07 aprile 2020

Montebelluna

Dopo l’incidente inventano aggressione

Il gruppetto di ragazzi dovrà rispondere di simulazione di reato

| commenti |

| commenti |

Dopo l’incidente inventano aggressione

PEDEROBBA – Dopo la serata passata in un locale di Castelcucco avevano fatto un incidente in macchina, ma all’arrivo al pronto soccorso avevano raccontato di essere stati aggrediti e malmenati da degli stranieri.

Si è scoperto in seguito che in realtà l’aggressione non c’era stata: la messa in scena sarebbe servita a coprire probabilmente una guida in stato d’ebbrezza. Cosa che però i carabinieri di Montebelluna a distanza di poco tempo hanno scoperto: per questo i quattro giovani trentenni, tra cui una ragazza, residenti nella zona di Pederobba, sono stati denunciati per simulazione di reato.

 

I ragazzi dopo l’incidente avevano abbandonato l’auto ad Onigo di Pederobba e si erano fatti accompagnare in ospedale a Montebelluna. I riscontri effettuati successivamente dai carabinieri non ci hanno messo molto a far emergere evidenti incongruenze nel racconto.

Dal pronto soccorso hanno segnalato la presunta aggressione, che a detta dei ragazzi aveva comportato le ferite che avevano sul loro corpo, ma i carabinieri hanno visto che l’auto abbandonata era intestata al padre di uno dei ragazzi e per questo c’è stato un veloce collegamento tra l’incidente ed il gruppetto di giovani.

Si è capito quindi che l’aggressione era stata inventata per coprire l’incidente: a quel punto sono stati come detto denunciati per simulazione di reato.

 

Leggi altre notizie di Montebelluna
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×