24 ottobre 2020

Ambiente

'Disuguaglianza da CO2', 1% più ricco del Pianeta inquina più di 3 miliardi di poveri.

| AdnKronos |

| AdnKronos |

'Disuguaglianza da CO2', 1% più ricco del Pianeta inquina più di 3 miliardi di poveri.

Roma, 21 set. (Adnkronos) - In 25 anni, l’1% più ricco della popolazione mondiale, pari a 63 milioni di abitanti, ha emesso in atmosfera il doppio di CO2 rispetto a 3,1 miliardi di persone, la metà più povera del pianeta.

È l’allarme lanciato con il rapporto Disuguaglianza da CO2, pubblicato da Oxfam in collaborazione con lo Stockholm Environment Institute, alla vigilia dell’Assemblea generale della Nazioni Unite che vedrà i leader mondiali impegnati a discutere di sfide globali, compresa la crisi climatica.

Dalla ricerca, che analizza la quantità di emissioni per fasce di reddito in un periodo, tra il 1990 e il 2015, nel quale le emissioni di CO2 in atmosfera sono più che raddoppiate, risulta che: il 10% più ricco è stato responsabile di oltre la metà (52%) delle emissioni di CO2 in atmosfera tra il 1990 e il 2015; l’1% più ricco del 15%, più di quanto non abbiano contribuito tutti i cittadini dell’Ue e il doppio della quantità prodotta dalla metà più povera del pianeta; nello stesso periodo, il 10% più ricco ha consumato un terzo del nostro 'budget globale di carbonio' (global 1.5C carbon budget) mentre la metà più povera della popolazione solo il 4%.

In altre parole, spiega il report, l’ammontare massimo di anidride carbonica che può essere rilasciata in atmosfera senza far aumentare la temperatura globale sopra 1,5 gradi centigradi è stato già consumato per più del 30% dal 10% della popolazione più ricca del pianeta.

"Lo stile di vita, di produzione e di consumo di una piccola e privilegiata fascia di abitanti del pianeta sta alimentando la crisi climatica e a pagarne il prezzo sono i più poveri del mondo e saranno, oggi e in futuro, le giovani generazioni - ha detto Elisa Bacciotti, responsabile campagne di Oxfam Italia - I dati raccolti dal 1990 alla metà degli anni Dieci, ci raccontano di un modello economico non sostenibile, né dal punto di vista ambientale, né dal punto di vista economico e sociale, che alimenta la disuguaglianza soffocando il pianeta da tutti i punti di vista".

Con l’allentamento delle restrizioni imposte dalla pandemia di Covid-19, le emissioni di CO2 torneranno a crescere: è essenziale perciò ridurre del 30% le emissioni globali per non esaurire, entro il 2030, la quota di emissioni massima che possiamo permetterci di produrre senza far aumentare la temperatura globale oltre 1,5 gradi centigradi - continua Oxfam - Questo implica una modifica profonda delle abitudini della fascia più ricca del pianeta: oggi la disuguaglianza da CO2 è talmente profonda che, anche se il resto del mondo adottasse un modello a emissioni zero entro il 2050, il 10% più ricco potrebbe esaurire le sue riserve entro il 2033.

Il rapporto stima infatti che il 10% più ricco dovrebbe ridurre di dieci volte le proprie emissioni pro-capite di CO2 entro il 2030, per fare in modo che l’aumento delle temperature globali non oltrepassi 1,5 gradi centigradi.

 



AdnKronos

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×