07/12/2021sereno

08/12/2021rovesci di pioggia

09/12/2021pioggia debole

07 dicembre 2021

Treviso

Distanziamento sociale e disinfettante a bordo degli autobus: Mom si prepara alla fase 2

L'azienda di trasporti: "La pesante riduzione dei passeggeri sta comportando una perdita di circa 1 milione di euro al mese"

| Matteo Ceron |

immagine dell'autore

| Matteo Ceron |

mom

TREVISO - Operazione “Viaggiare in sicurezza”: Mom pronta alle fase 2. Mobilità di Marca è pronta a recepire le linee guida per il Trasporto pubblico locale e allegate al Dpcm del 26 Aprile, le cui disposizioni entreranno in vigore lunedì 4 maggio.

 

Cosa cambia da lunedì per gli utenti del trasporto pubblico locale? Ci saranno flussi di entrata e uscita ben separati, sarà sospesa la vendita a bordo dei biglietti e si dovrà evitare di rivolgersi al personale di guida. Bisognerà rispettare il distanziamento sociale a bordo dei mezzi, anche attraverso marker sui sedili che indicano i posti a sedere non disponibili. Ci saranno poi dei dispenser con disinfettante per le mani a disposizione dei clienti e si dovranno privilegiare gli acquisti digitali di biglietti e abbonamenti.

 

Mobilità di Marca dal canto suo si impegna ad effettuare pulizie quotidiane dei mezzi con soluzioni a base alcolica, con particolare attenzione verso le superfici di contatto e sanificazione tramite ozono di tutte gli autobus in circolazione, con la distribuzione di dispositivi di protezione individuale per il personale e l’utenza (un investimento mensile di circa 80mila euro).

 

A seguito delle disposizioni nazionali e regionali, il servizio è stato ridotto tenendo conto della ridotta mobilità dei cittadini. Attualmente è in servizio circa il 50% della flotta e degli uomini. Dal 4 maggio il personale addetto all’esercizio sarà impegnato al controllo per verificare eventuali necessità di incremento della frequenza. Dal 18 maggio è previsto un incremento delle corse del 30%, mentre dall’1 giugno ci sarà l’introduzione dell’esercizio estivo.

 

Nel prossimo futuro, inoltre, con sperimentazione già dall’estate su base nazionale e introduzione per l’autunno a livello aziendale, Mom è pronta ad introdurre sistemi digitali di prenotazione del posto/bus (tramite tecnologia bluetooth e implementazione di nuove funzionalità per l’App Momup). "Ciò consentirà ai clienti di viaggiare in sicurezza con un controllo costante del numero dei passeggeri a bordo da parte dell’autista e della Sala Controllo Esercizio", comunica l'azienda.

 

Mom fa sapere che la “pesante riduzione dei passeggeri sta comportando una perdita di circa 1 milione di euro al mese, a fronte di importanti spese di esercizio e aumentati costi per la gestione dell’emergenza, e che le agevolazioni fiscali o gli ammortizzatori per i lavoratori possono sopperire solo in parte a questi problemi”.

 

"Le misure adottate dal Ministero, in merito al distanziamento sociale, riducono circa del 70% la capacità di trasporto dei nostri mezzi – viene sottolineato ancora da Mobilità di Marca -. Sono misure che le aziende di trasporto, tutte, con le associazioni di categoria del comparto, hanno già pesantemente contestato perché troppo riduttive e contraddittorie. Si rischia infatti di generare un collasso complessivo dei sistemi di mobilità".

 

"Guardiamo al territorio della Marca: ogni anno Mom trasporta 32milioni di passeggeri, in media 86mila al giorno - viene spiegato ancora -. Trasferire questa quota per il 70% sul mezzo privato significa paralizzare il traffico delle nostre cittadine (per la sola città di Treviso significa avere 10mila auto in più), mandare in tilt l’inquinamento e distruggere i servizi pubblici di trasporto che invece stavano vivendo una crescita dei passeggeri spinti verso il trasporto collettivo da scelte ecologiche ed economiche".

 


| modificato il:

foto dell'autore

Matteo Ceron

Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×