04/10/2022nubi sparse

05/10/2022nubi sparse

06/10/2022parz nuvoloso

04 ottobre 2022

Treviso

La difesa degli aggressori di Manuel: "Non volevamo uccidere”

La Procura per gli aggressori del nuotatore rimasto paralizzato ha chiesto una condanna a 20 anni di carcere

|

|

Manuel Mateo Bortuzzo

TREVISO - “Non volevano uccidere, non c'è stata alcuna premeditazione". Lo hanno detto davanti al gup di Roma i difensori di Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano, accusati del tentato duplice omicidio del giovane nuotatore Manuel Bortuzzo rimasto poi paralizzato e costretto sulla sedie a rotelle, e della fidanzata Martina Rossi avvenuto la notte del 2 e 3 febbraio scorsi, in piazza Eschilo, a Roma, mentre era con la sua fidanzata.

Per i due la Procura ha chiesto una condanna a 20 anni di carcere e la sentenza è prevista per il prossimo 9 ottobre.

"Marinelli e Daniel Bazzano non spararono per uccidere e la ricostruzione della dinamica dei colpi dimostra che i colpi non vennero sparati con quella intenzione - affermano gli avvocati Alessandro De Federicis e Giulia Cassaro -. Abbiamo chiesto al giudice di riconoscere le attenuanti generiche".

 


| modificato il:

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×