06/12/2022nubi sparse

07/12/2022velature lievi

08/12/2022nubi sparse

06 dicembre 2022

Nord-Est

Denuncia post-odio su social, la Procura archivia: "Non abbiamo Facebook"

Il Pubblico Ministero: "La rete degli uffici non consente l'accesso a questi canali"

|

|

foto d'archivio

BELLUNO - La rete internet della Procura non da' accesso ai social network, e così non possono essere svolte indagini per denunce di insulti e post di odio su Facebook.

E' la ragione che ha portato gli uffici giudiziari di Belluno ad archiviare la denuncia di una candidata italo-algerina alle ultime Regionali in Veneto, Assia Belhadj, che dopo aver postato su Facebook la propria foto con il velo era stata sommersa dagli insulti offensivi e violenti degli haters. La donna era candidata con la lista di Arturo Lorenzoni.
La sua richiesta di giustizia è stata frustrata - riportano i media locali - dalla decisione della Procura, che con il pm Katjiuscia D'Orlando ha chiesto l'archiviazione, confermata poi dalla gip Enrica Marson.

Nel provvedimento i magistrati spiegano innanzitutto che non è stato possibile identificare gli autori dei post in modo chiaro, e inoltre che "la rete in uso all'ufficio non consente l'accesso a Facebook". In passato, prosegue la Procura, queste queste indagini "venivano svolte da personale - che ora non cìè più - che usava il proprio computer privato e il proprio profilo Facebook".
 

 


| modificato il:

Dello stesso argomento

immagine della news

23/10/2021

Facebook, nuove accuse da ex dipendente

Il whistleblower accusa il colosso Usa di pensare ai profitti piuttosto che controllare i messaggi d'odio e la disinformazione. A rilevarlo è il 'Washington Post'

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×