20 gennaio 2021

Treviso

Da Treviso a Vittorio Veneto si firma per la legge contro la propaganda nazifascista

Per chiedere la messa al bando della propaganda inneggiante al fascismo e al nazismo si può firmare anche a: Cappella Maggiore, Sarmede, Revine Lago, Fregona, Tarzo e Colle Umberto

| Ilaria Frare |

| Ilaria Frare |

Petizione per una legge contro la propaganda inneggiante al fascismo e al nazismo

TREVISO - Il sindaco di Stazzema, Maurizio Verona, con l'associazione "Anagrafe Antifascista", ha indetto una raccolta firme per un progetto di legge di iniziativa popolare denominato: "Norme contro la propaganda e la diffusione di messaggi inneggianti al fascismo e nazismo e la vendita e produzione di oggetti con simboli nazisti e fascisti." La richiesta partita dal comune in provincia di Lucca, luogo simbolo di uno degli eccidi più efferati dei nazisti contro la popolazione civile durante la Seconda guerra mondiale, è quella di una legge che vada contrastare la diffusione in rete di messaggi che inneggiano a fascismo e nazismo e la vendita di oggetti che richiamano alle stesse ideologie.

L’iniziativa è aperta a tutti i comuni e municipi d’Italia, e l’obiettivo è quello di raggiungere almeno 50.000 firme, numero minimo per poter presentare la proposta. Le motivazioni, spiegate dal Sindaco Verona, sono chiare: "...Il momento che stiamo affrontando è difficile da tutti i punti di vista. Ma non possiamo nemmeno ignorare che i neofascisti stanno approfittando di questa situazione per ottenere consenso [...]. È proprio in un momento come questo che la nostra democrazia acquista ancora più valore ed è in un momento come questo che dobbiamo ribadire i pilastri sui quali la nostra Repubblica si fonda: l’antifascismo è uno di questi."

Anche a Treviso sono stati depositati i moduli per la raccolta delle firme, dove è possibile sottoscrivere la proposta presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico. Coalizione Civica per Treviso dalla pagina Facebook invita tutti i cittadini trevigiani che si riconoscono nei valori costituzionali a sottoscrivere la proposta di legge “che rappresenta un passo concreto per porre un argine a quella recrudescenza dei fenomeni culturali e politici neofascisti e neonazisti di cui siamo quotidianamente testimoni in tutto il Paese e anche nei nostri territori”.

I moduli per firmare sono già disponibili in tutti i comuni del mandamento del Vittoriese:

Vittorio Veneto: si firma presso l'ufficio elettorale, passando per l'anagrafe, davanti alla porta dell'ufficio elettorale occorre telefonare allo 0438 569262 per farsi aprire.

Cappella Maggiore: si firma presso l'anagrafe, a piano terra, martedì, giovedì, venerdì dalle 10 alle 13; mercoledì dalle 17 alle 19; sabato dalle 10 alle 12.

Sarmede: si firma all'anagrafe, piano terra, previo appuntamento allo 0438 582760, il martedì pomeriggio e il venerdì mattina.

Fregona: si firma all'ufficio elettorale/anagrafe previo appuntamento allo 0438 916823 tutte le mattine dalle 11 alle 13 e il giovedì dalle 16 alle 18.

Tarzo: telefonare allo 0438 9264203 per accordarsi con gli impiegati. Cordignano: si firma presso l'anagrafe, tutte la mattine dalle 10e30 alle 12e30, il martedì anche dalle 17 alle 17, chiuso lunedì e giovedì; prendere appuntamento allo 0438 779721.

Revine-Lago: per agevolare, la segreteria ha dato la disponibilità di poter firmare tutte le mattine dalle 8e30 alle 12 e il lunedì dalle 17alle 18, nel periodo 1- 15 dicembre, previo appuntamento allo 0438929010 int. 205.

Colle Umberto: si firma all'anagrafe, telefonare allo 043839737 int. 7 per accordarsi con gli impiegati.
 

 


| modificato il:

Ilaria Frare

Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×