31 ottobre 2020

Vittorio Veneto

Via Da Ponte, “Serve un doppio senso”

A tre mesi dall’avvio del nuovo senso unico i negozianti lo bocciano

| Claudia Borsoi |

immagine dell'autore

| Claudia Borsoi |

via da ponte

VITTORIO VENETO – Calo dei clienti, automobilisti contromano, strada snobbata da chi scende da Ceneda e, per via dei “giri” da fare, anche da chi arriva dal Centro. I commercianti di via Da Ponte bocciano la nuova viabilità, il senso unico con direzione via del Pretorio-via Garibaldi introdotto giusto tre mesi fa, il 3 giugno.

«La nuova viabilità? Non ci piace» dicono all’unisono. «La soluzione ottimale sarebbe un doppio senso di marcia» aggiungono. «Già si lavorava poco in questa zona e ora la nuova viabilità non ci aiuta per nulla» afferma Fiorella del negozio Mastersan. Le vendite sono calate qui di un 20%, nella farmacia Zamperlini di un 30%. «Abbiamo perso chi era di passaggio e arrivava dal Centro – spiega il dottor Alberto Zamperlini -: trovandosi praticamente la via bloccata, proseguono trovando più comoda l’altra farmacia che c’è più avanti».

«Andava mantenuto fino a via Castaldi il doppio senso – dicono dalla Pizzeria Tanta Roba -, lo hanno fatto per via Oberdan non vedo perché qui no. Da quando è stato istituito il senso unico passa molta meno gente». «Vediamo se cambierà qualcosa con via Oberdan aperta» dice Andrea Pullini dell’omonima profumeria.

«Pensavano con la nuova viabilità di via Lioni e via Da Ponte di aumentare il traffico verso il Duomo, invece per queste vie passano in pochi – rileva il dottor Zamperlini -: chi va al Duomo sale e scende per via Pasqualis. In via Da Ponte hanno anche messo una fermata dell’autobus, ma non ho mai visto scendere qualcuno».
 

 



foto dell'autore

Claudia Borsoi

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×