28 novembre 2020

Oderzo Motta

Cyberbullismo, i sindaci sull’indagine: «Fatti allarmanti, molto è ancora da fare»

Non si spegne l'eco dell'operazione dei Carabinieri che vede indagati dieci ragazzi, tra cui sette minorenni

| Gianandrea Rorato |

| Gianandrea Rorato |

Non si spegne l'eco dell'operazione dei Carabinieri

MEDUNA DI LIVENZA - Giovani indagati per bullismo e pedopornografia: «Il problema è allarmante».

Nei vari comuni toccati dall’inchiesta, diversi i commenti.

Arnaldo Pitton, sindaco di Meduna, conosceva già il problema: «A Meduna in passato c’era stato un’ altro episodio.

Tanto che avevamo anche organizzato una serata di approfondimento con la Polizia scientifica. Tuttavia a queste serata si presentano in pochi visto l’argomento spinoso. E invece è proprio quello il momento di partecipare per i genitori. Perchè a volte i social sono delle trappole».

Gli fa eco l’assessore cessaltino Fabio Gabbana: «La notizia ci ha sconcertato. Molto è ancora da fare. Come comuni di Cessalto, Meduna e Motta ci siamo attivati per il progetto nelle scuole “Protetti in rete”, poi bloccato a causa del covid. Ripartirà a breve».

Mentre il sindaco di Motta Alessandro Righi: spiega: «Noto una enorme difficoltà delle nuove generazioni a comprendere la differenza tra ciò che accade in una vita reale ricca di valori da ciò che ci viene proposto quotidianamente dai social».

 



Gianandrea Rorato

Leggi altre notizie di Oderzo Motta
Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Dello stesso argomento

immagine della news

07/02/2017

A lezione dai Carabinieri

Cyberbullismo e pericoli del web, l'Arma martedì mattina ha incontrato gli studenti delle medie di Dosson

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×