15 gennaio 2021

Nord-Est

Covid, Zaia: "Non ci sono i presupposti per un lockdown stile marzo. Restrizioni ma non per attività produttive"

| Roberto Silvestrin |

immagine dell'autore

| Roberto Silvestrin |

Covid, Zaia:

Tutte le limitazioni necessarie, ma non per per le realtà produttive. È questa la posizione del presidente Luca Zaia, dopo la riunione in videoconferenza con il Governo. “Siamo pronti a dar corso a tutte le restrizioni, ma non per le attività produttive”. E intanto lo spettro del lockdown “duro” – almeno sentendo il Governatore – per ora si allontana.

 

Prima di notte ci dovrebbe essere una nuova convocazione di comuni, province e Regioni, ma “in questo momento non intravediamo soluzioni con lockdown stile marzo, non ci sono i presupposti”. Prosegue però il dibattito, all’interno della maggioranza di Governo, sulle nuove misure anti-Covid: e se non sarà lockdown, è possibile però che sia introdotto il coprifuoco, alle 21 o alle 22.

 

Anche se, lo ha riportato lo stesso Zaia, nella riunione con le Regioni non ci sarebbe stata nessuna “proposta” relativa al coprifuoco. Si è parlato invece di “blocco delle movimentazioni per zone”. Le nuove misure dovrebbero comunque essere emanate, con un altro Dpcm, entro mercoledì di questa settimana. Novembre potrebbe comunque essere un mese determinante per il destino della pandemia.

 

Il Covid-19 “verosimilmente potrebbe avere un picco a metà novembre, avendo come inizio della curva i primi di ottobre, a metà di un periodo ipotetico di 90 giorni - dichiara Zaia -. Dobbiamo iniziare a ragione, ma sono previsioni, sul fatto che tutte queste pandemie hanno un esordio, una fase di crescita, il picco e poi la fase di decrescita”.

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×