18 maggio 2021

Cronaca

Covid Veneto, Zaia: "Oggi 981 contagi"

Vaccini: Zaia, in arrivo 134.370 dosi, presto anche J&J

|

|

Luca Zaia

VENETO - Sono 981 i nuovi contagi di Coronavirus in Veneto secondo il bollettino di oggi, 22 marzo, come reso noto oggi dal presidente della regione Luca Zaia nel consueto punto stampa. Si registrano altri 14 morti, un dato che porta a 10.362 il totale dei decessi causati dal Covid dall'inizio della pandemia in Veneto.

Nelle ultime 24 ore sono stati processati 16.281 tamponi, il tasso di positività è al 6%. Salgono a 367.536 i casi totali di Covid-19 in Veneto, mentre sono 39.174 gli attualmente positivi e 1.957 i ricoverati (+49 da ieri). Di questi, 1.714 sono ricoverati in area non critica (+43) e 244 in terapia intensiva (+6).

"Abbiamo 1.958 pazienti ricoverati, praticamente siamo oggi allo sesso livello di marzo dell'anno scorso". Lo ha detto il governatore del Veneto Luca Zaia. "Di questi - ha aggiunto - 1.714 sono in area non critica , 244 in terapia intensiva, un dato inferiore di un centinaio di unità rispetto al 356 del primo di aprile 2020: a fine mese quindi potremmo avere lo stesso numero di persone anche in terapia intensiva". "Aspettiamo in settimana 134.370 dosi di vaccini".

Zaia, ha poi fatto il punto sulle scorte di vaccino attualmente disponibili in regione: "Al momento abbiamo 16,224 dosi Pfizer che sono state intaccare per lo stop temporaneo di Astrazeneca ; poi abbiamo 12.363 Moderna e 92.879 dosi Astrazeneca, delle quali 23mila dei lotti bloccati".

"Poi c'è una buona novità - ha annunciato Zaia - con l'arrivo previsto a breve di Johnson&Johnson, per cui sono fiducioso". "In questi giorni - ha concluso - abbiamo continuato a vaccinare anche con Astrazeneca. Ricordo che a livello sanitario non c'è nessuna specifica sull'uso del tipo di vaccini per fasce di età".
 

"I sali-scendi nell'arrivo dei vaccini hanno creato problemi, ma nonostante ciò a Treviso solo state somministrate dosi a 3mila persone". Ha detto Zaia, sulla tempistica delle vaccinazioni e sui problemi legati alle prenotazioni. Presto verrà realizzato un nuovo softweare, con annunci e link per le prenotazioni, e la collaborazione dei farmacisti.

 

"Il Veneto ieri - ha rilevato - ha fatto 12mila vaccini, bisogna avere pazienza, ci sono disguidi che fanno saltare il sistema, come il fatto che c'è chi non si presenta e mette la macchina in difficoltà". Per Zaia è fondamentale la collaborazione nata con i medici di base per i vaccini "perché loro conoscono i pazienti, e così si possono determinare i soggetti fragili, al di là degli oncologici, e vaccinare secondo criteri puntuali".

 


| modificato il:

Dello stesso argomento

immagine della news

29/03/2021

Covid Veneto, Zaia: "Oggi 728 contagi"

E' stato vaccinato il 79,5% delle persone della classe 1936 interessate dall'operazione "a chiamata libera" sperimentata ieri in provincia di Treviso

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×