09/08/2022sereno

10/08/2022poco nuvoloso

11/08/2022poco nuvoloso

09 agosto 2022

Benessere

Covid: presidente virologi, 'impreparati all'autunno, rischio caos ospedali'.

| AdnKronos |

| AdnKronos |

Covid: presidente virologi, 'impreparati all'autunno, rischio caos ospedali'.

Milano, 27 giu. (Adnkronos Salute) - "Dopo questa fiammata d'estate, in autunno Covid ritornerà e quello che vedo è che non siamo preparati a livello territoriale. Ciò di cui ho paura è che con la prossima stagione possa verificarsi di nuovo un intasamento dei Pronto soccorso, con persone che al primo sintomo più serio rispetto al comune raffreddore si riversano sugli ospedali", facendoli ripiombare nel caos già vissuto e paralizzando l'assistenza agli altri malati. Non usa mezzi termini per esprimere i suoi timori il presidente della Società italiana di virologia (Siv-Isv), Arnaldo Caruso, in un'intervista all'Adnkronos Salute. "Non vedo segnali che sul territorio si stiano prendendo i necessari provvedimenti per far sì che la maggior parte dei pazienti possa beneficiare di cure domiciliari contro Covid-19" e scongiurare il pericolo tilt, avverte l'esperto, lanciando un appello al ministero della Salute.

"Un po' per il carico enorme di burocrazia che grava sulle spalle dei medici di famiglia, anche a causa di tanti tamponi evitabili, un po' forse per difendersi da possibili conseguenze - analizza lo specialista, ordinario di microbiologia e microbiologia clinica all'università di Brescia e direttore del Laboratorio di microbiologia dell'Asst Spedali Civili - gli antivirali orali ci sono, ma non vengono ancora prescritti abbastanza; gli anticorpi monoclonali ci sono, ma si usano ancora troppo poco. E' necessario mettere i medici di medicina generale nelle condizioni di non temere ripercussioni di alcun tipo se prescrivono un farmaco che ritengono opportuno, nel dare cure a domicilio", esorta Caruso.

"Il medico di famiglia deve poter agire - incalza - deve essere liberato da pastoie burocratiche e paure che oggi frenano l'assistenza a casa, fuori dall'ospedale. Il medico deve sentirsi libero di operare in serenità sul territorio secondo competenza, però al momento purtroppo non vedo le condizioni perché questo avvenga. E' questo l'unico grosso problema che io prevedo per l'autunno", anche in 'era Omicron': "Tornare a intasare gli ospedali".

 



AdnKronos

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×