18 maggio 2021

Esteri

Covid Gb, nessun morto a Londra: è la prima volta in sei mesi

E' quanto emerge dai dati diffusi dal 'Public Health England' relativi al 28 marzo

|

|

Londra

LONDRA - Per la prima volta in sei mesi a Londra non si sono registrate vittime legate al Covid-19. E' quanto emerge dai dati diffusi dal Public Health England (Phe) relativi al 28 marzo e che evidenziano come non ci siano stati decessi di pazienti che nei 28 giorni precedenti avevano contratto il virus.

 

Al picco dell'emergenza, lo scorso aprile, nella capitale britannica - che è stata l'epicentro nel Paese della prima ondata di coronavirus - si contavano in media 230 morti al giorno legati alla pandemia, ricorda la 'Bbc'. "Questa è un risultato straordinario, ma siamo ancora lontani dal ritorno alla normalità" ha dichiarato un medico citato dall'emittente.

 

Nel Regno Unito, inoltre, l'effetto combinato della campagna vaccinale e delle misure restrittive continua a incidere positivamente sull'andamento della pandemia. In base ai dati diffusi oggi, sono stati registrati 23 nuovi decessi da coronavirus nelle ultime 24 ore, tra i pazienti risultati positivi nei 28 giorni precedenti il decesso. In termini percentuali, il dato sui decessi degli ultimi sette giorni segna un calo del 25,3% rispetto alla settimana precedente. I nuovi casi accertati sono stati 4.654, con una diminuzione del 4,2% nel confronto tra l'ultima settimana e quella precedente. Sono stati 334 i nuovi ricoveri in ospedale, con una diminuzione del 21,9% nel raffronto tra l'ultima settimana e la precedente. L'Rt, secondo i dati aggiornati al 26 marzo, si attesta fra lo 0,7 e lo 0,9. Sul fronte delle vaccinazioni, le persone che hanno ricevuto la prima dose del vaccino, secondo il dato aggiornato al 28 marzo, sono finora state 30.444.829. Di queste, 3.674.266 hanno ricevuto anche la seconda dose.

 

Boris Johnson invita intanto alla prudenza i suoi connazionali, mentre il Paese si appresta a compiere i primi significativi passi in direzione di un allentamento delle restrizioni. Sarà consentito incontrarsi all'aperto in gruppi di sei persone, anche all'interno di giardini privati, mentre potranno riprendere le attività sportive all'aperto. L'allentamento delle restrizioni sarà accompagnato dal lancio di una campagna governativa che sottolineerà il rischio legato alle riunioni di più persone appartenenti a nuclei famigliari diversi all'interno di spazi chiusi, con tanto di consigli degli psicologi su come resistere alle pressioni di parenti e amici che vorrebbero indurre ad infrangere le regole.

 



Dello stesso argomento

immagine della news

24/12/2020

In Inghilterra prove di Natale "rosso acceso"

Laura e Lorenzo, originari della provincia di Treviso, risiedono a Londra da sei anni: "Colti di sorpresa, appena usciti dall'ultimo lockdown. Cerchiamo di creare l'atmosfera natalizia"

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×