23 aprile 2021

Cronaca

Covid, Crisanti: "Parlare di sci con 600 morti? Non è un Paese normale"

"Bisognerebbe raggiungere un accordo europeo. Servirebbe la responsabilità di altri Paesi, Svizzera, Austria, Francia, peraltro ancora toccati pesantemente".

|

|

Il professor Andrea Crisanti

ITALIA - "Rimango senza parole che si parli di sci con 600 morti al giorno. Andare a sciare per divertirsi sapendo che questo causerà un aumento dei contagi e dei morti? Penso che questo non sia un Paese normale". Lo ha dichiarato a 'Buongiorno', su Sky Tg24, il virologo Andrea Crisanti, direttore del Laboratorio di Microbiologia dell'università di Padova.

 

"Il problema non è l'impianto da sci, se sanifico le cabine o i sedili delle seggiovie - ha precisato - Il problema è l'assembramento che si crea prima e dopo, la socialità che c'è, gli alberghi pieni". Riguardo al rischio che gli italiani vadano a sciare all'estero, per Crisanti "bisognerebbe raggiungere un accordo europeo. Servirebbe la responsabilità di altri Paesi, Svizzera, Austria, Francia, peraltro ancora toccati pesantemente".

 



Dello stesso argomento

immagine della news

19/04/2021

Riaperture, anestesisti: "E' un errore"

"L'economia deve avere la precedenza sulla salute? Lo si dichiari" dice all'Adnkronos Salute Flavia Petrini, presidente della Società italiana di anestesia, analgesia, rianimazione e terapia intensiva

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×