20 settembre 2021

Treviso

Covid, boom di positivi nei locali della movida da Treviso a Castelfranco: "Ragazzi, vaccinatevi"

L'allarme dell'Ulss2: "Nuovi focolai con oltre 25 positività di frequentatori di una stessa serata in singoli locali”

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

movida

Movida trevigiana (foto di repertorio)

TREVISO - Aumentano i contagi e i focolai nei luoghi della movida trevigiana. A lanciare l’allarme è il Dipartimento di Prevenzione dell’Ulss2 che nella sua quotidiana attività di tracciamento dei casi positivi al Covid, evidenzia un aumento nell’ultimo periodo, di numerosi casi di positività correlati alla frequentazione da parte di giovani di serate ed eventi in locali pubblici della Marca.

“In particolare in alcuni casi nell’hinterland di Treviso e Castelfranco Veneto, si stanno riscontrando veri e propri focolai con oltre 20-25 positività a carico di frequentatori di una stessa serata in singoli locali”, comunica l’Ulss2.

“Data la difficoltà nel tracciare tutti i possibili partecipanti si raccomanda, soprattutto ai più giovani, che sono i maggiori frequentatori di questi locali e rappresentano la fetta di popolazione maggiormente colpita dalla variante Delta, la massima prudenza nella partecipazione a tali occasioni e l'utilizzo costante di tutte le misure anti contagio e di effettuare e nel caso di positività di persone presenti allo stesso evento di effettuare un tampone preventivo”.

Il tampone potrà essere fatto con accesso libero e gratuito presso tutti i Covid point dell'ULSS2.

“Ai giovani, che ricercano maggiormente le occasioni di socialità, con conseguenti maggiori contatti e probabilità di possibile contagio – sottolinea il direttore generale, Francesco Benazzi raccomando, oltre alla cautela e al rispetto delle misure precauzionali, di vaccinarsi prima possibile, nel caso non l’abbiamo già fatto. Solo così possono da un lato ridurre il rischio di ammalarsi, con possibilità di conseguenze gravi anche per loro come dimostano gli ultimi ricoveri, dall’altro non diventare loro stessi veicolo di contagio nei confronti di amici e familiari”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×