18 maggio 2021

Conegliano

Costretti a lasciare il rifugio di Sarano, cani e volontari cercano casa

L’Enpa entro fine luglio deve spostare gli animali in affido. Ma serve un posto

| Stefania De Bastiani |

immagine dell'autore

| Stefania De Bastiani |

Costretti a lasciare il rifugio di Sarano, cani e volontari cercano casa

SANTA LUCIA DI PIAVE – 12 cani e 60 volontari dell’Enpa rischiano di rimanere senza un rifugio. La struttura che da anni li ospita, in località Sarano a Santa Lucia di Piave, deve essere infatti liberata entro fine luglio. E i volontari hanno un mese di tempo per trovare uno spazio da recintare dove tenere i cani in attesa di affidamento.

 

Il rifugio è una piccola realtà con grandi numeri: in un anno vengono affidati circa 100 cani, e in media presso la struttura ne stanziano 10, 12. “Sono quasi tutti animali con il microchip, che le famiglie per svariati motivi non possono più tenere – spiega la responsabile del rifugio, Alessandra Muscari – Alcuni sono cuccioli abbandonati per strada, ma la maggiore parte sono cani di cui i Comuni non potrebbero in ogni caso farsi carico, in quanto appunto lasciati volontariamente dai proprietari”. Il rifugio funziona grazie alle donazioni, e soprattutto all’impegno di 60 volontari che, a turno, portano ogni giorno i cani a passeggiare, a giocare, oltre a occuparsi del cibo, di ogni problematica, e soprattutto degli affidi. “Quello che abbiamo fatto in questi anni ha dato davvero i suoi risultati – continua Alessandra – il nostro è un lavoro nascosto, ma ogni anno abbiamo dato una famiglia a circa 100 cani, cuccioli ma anche anziani”.

 

Il rifugio dove stanno adesso, uno spazio con dei recinti e una tettoia, con annessa una piccola casetta di legno, deve essere lasciato libero entro un mese. Quello che cercano i volontari è un luogo all’aperto, con la possibilità di avere una tettoia e un minimo di struttura chiusa, per il cibo.

 

“L’ideale sarebbe trovare un posto sempre nel coneglianese - riferisce Alessandra - in modo che tutti i volontari (c’è chi viene da Sacile, chi da Valdobbiadene) possano arrivarvi senza troppe difficoltà. Facciamo appello a qualche privato che ha un terreno inutilizzato e chieda una somma di affitto non esagerata. Il posto deve anche non essere troppo vicino alle case, perché 10, 12 cani a volte abbaiano”.

 

Se qualcuno avesse o conoscesse un posto adatto: Alessandra, 3473586940; treviso@enpa.org

 



foto dell'autore

Stefania De Bastiani

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Conegliano
Leggi altre notizie di Conegliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×