28 marzo 2020

Altri sport

Corri in Rosa: sui pettorali i messaggi di incoraggiamento delle donne

Fino al 31 ottobre è possibile inviare un breve testo che sarà poi stampato per il giorno dell’evento

Altri sport

Corri in Rosa: sui pettorali i messaggi di incoraggiamento delle donne

SAN VENDEMIANO - Lo staff di Maratona di Treviso, che organizza la sesta edizione della manifestazione tutta al femminile Corri in Rosa, ha deciso di dare la possibilità alle iscritte, ma non solo, di lasciare un messaggio positivo dedicato alle donne che sarà poi stampato sui pettorali.

Il messaggio, che deve contenere al massimo 40 caratteri spazi inclusi, potrà essere inviato entro giovedì 31 ottobre tramite una pagina dedicata nel sito internet www.corrinrosa.run .

I messaggi saranno stampati “a random” nei pettorali delle partecipanti, con l’intento appunto di veicolare solidarietà, in un mutuo sostegno tra donne.

Dal pettorale, alla maglietta dell’edizione che prenderà il via alle 10.00 da via De Gasperi, di fronte al municipio, a San Vendemiano.

Al centro della grafica il simbolo universale femminile ♀, alle sue origini rappresentazione stilizzata della mano della dea Venere che sorregge uno specchio, ora più che mai invece chiaro messaggio della potenza dell'essere donna. Un modo per rendere omaggio a tutte le donne che in questi cinque anni hanno contribuito e contribuiranno nei prossimi con la loro presenza a rendere grande questa manifestazione e a diffondere il suo messaggio positivo.

Oltre al famoso e apprezzatissimo pasta party, quest’anno è stato previsto il service foto: per tutte le partecipanti sarà realizzato gratuitamente un servizio foto personalizzato (per accedere alle proprie foto sarà necessario utilizzare il codice riportato sul proprio pettorale).

 

Altri Eventi nella categoria Altri sport

Nino Benvenuti
Nino Benvenuti

Altri sport

'Di fronte a catastrofe sanitaria anche sport ha alzato bandiera bianca'

Benvenuti: "Mai avrei pensato di assistere allo spostamento dei Giochi"

ROMA - "Nella mia vita ne ho viste davvero di tutti i colori. Potrei dire che non mi sorprendo più di nulla: conosco il conflitto Mondiale, ho vissuto sulla mia pella la tragedia dell'Esodo, le Foibe, la privazione assoluta della libertà".

Le società Sportive

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×