06 giugno 2020

Nord-Est

Coronavirus, Zaia:"La crescita è lenta, ma costante"

La Regione è in attesa di 200 respiratori, al momento ne sono giunti 50, Zaia:"Siamo molto preoccupati per questo"

| commenti |

| commenti |

Coronavirus, Zaia:

L'andamento dell'epidemia da Coronavius in Veneto ha "una crescita costante, lenta, che ci permette di essere più reattivi e più performanti nelle curve, ma c'è. Arriveremo a un punto che se non si ferma avremo difficoltà a far trovare un letto libero all'ultimo paziente che ce lo chiede". Lo ha affermato il presidente della regione, Luca Zaia, facendo il punto con i giornalisti. "L'emergenza - ha proseguito Zaia - è quella di creare posti letto in terapia intensiva, ne abbiamo 825 sulla carta, e siamo in attesa di un carico di 50 respiratori che abbiamo comprato in Svizzera e che è per strada. Poi aspettiamo i famosi 200 respiratori chiesti da subito alla Protezione civile, ad oggi dopo un mese ne sono arrivati una cinquantina. Siamo molto preoccupati per questo, e non è polemica, ma la nostra programmazione si è sempre basata sul fatto - ha concluso - che questi respiratori dovevano arrivare". 

 

 

 Attualmente, secondo quanto ha riferito l'assessore regionale alla Sanità, Manuela Lanzarin, in Veneto stanno per essere completati, con gli ultimi arrivi di apparecchi respiratori, 680 posti letto in terapia intensiva sugli 825 pianificati. I pazienti in terapia intensiva per Coronavirus fino a stamani sono 304, quelli ricoverati per patologie non-Covid sono 158. 

 

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×