26 maggio 2020

Benessere

Coronavirus: Wsj, 'Oms ha fatto disinformazione, va riformata'.

| AdnKronos | commenti |

| AdnKronos | commenti |

Coronavirus: Wsj, 'Oms ha fatto disinformazione, va riformata'.

Roma, 6 apr. (Adnkronos Salute) - "La pandemia di coronavirus offrirà molte lezioni su cosa fare meglio per salvare più vite e fare meno danni economici la prossima volta. Ma una cosa è già certa: per far sì che le future pandemie siano meno letali bisogna riformare l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms)". E' quanto si legge in un editoriale sul 'Wall Street Journal', che in proposito ricorda come la settimana scorsa il senatore della Florida Rick Scott abbia chiesto un'indagine del Congresso sul "ruolo dell'Agenzia delle Nazioni Unite nell'aiutare la Cina a coprire le informazioni riguardanti la minaccia del coronavirus", avanzando un'istanza per sospendere i finanziamenti all'Oms. "Il marciume all'Oms - prosegue duro l'editoriale - in realtà va oltre la 'combutta' con Pechino, ma questa vicenda è un buon punto di partenza".

"L'epidemia di coronavirus - ricostruisce l'editoriale del Wsj - è iniziata in Cina, a Wuhan, probabilmente in autunno, forse a novembre, e ha poi accelerato nel mese di dicembre. E, secondo la piattaforma digitale economica cinese Caixin Global, i laboratori cinesi avevano sequenziato il genoma del coronavirus entro la fine di dicembre, ma i funzionari cinesi hanno ordinato di distruggere i campioni e non pubblicare le loro ricerche. Il 30 dicembre il dottor Li Wenliang ha lanciato un allarme ai collegi cinesi, e alcuni giorni dopo le autorità locali lo hanno accusato di mentire e di arrecare grave disturbo all'ordine pubblico".

"Funzionari taiwanesi hanno avvertito l'Oms il 31 dicembre - prosegue la ricostruzione del Wsj - di aver avuto prove che il virus potesse essere trasmesso da uomo a uomo. Ma l'agenzia dell'Onu, 'inchinata' di fronte a Pechino, non ha invece una buona relazione con Taiwan. Dunque il 14 gennaio l'Oms ha twittato: 'Le indagini preliminari condotte dalle autorità cinesi non hanno trovato prove chiare della trasmissione da uomo a uomo". E ha impiegato un'altra settimana per invertire questa 'disinformazione'".

"Il 22 e 23 gennaio il comitato di emergenza dell'Oms - ricorda il Wsj - ha discusso se dichiarare Covid-19 'emergenza sanitaria globale'. Il virus si era già diffuso in diversi Paesi, e fare tale dichiarazione avrebbe preparato meglio il mondo. Avrebbe dovuto essere una decisione facile, nonostante le obiezioni di Pechino. Eppure il direttore generale Tedros Ghebreyesus - si osserva nell'editoriale - ha rifiutato di farla ed è volato in Cina. Alla fine l'emergenza globale è stata dichiarata il 30 gennaio, perdendo una settimana di tempo prezioso, con il forte sospetto che il viaggio a Pechino fosse più di carattere politico che incentrato sulla salute pubblica. Intanto il Dg dell'Oms si congratulava con il governo cinese per le misure straordinarie adottate, per l'assoluta trasparenza tenuta da Pechino, la velocità con cui ha sequenziato il genoma del virus e lo ha condiviso con l'Oms e con il mondo".

"La pandemia è stata dichiarata solo l'11 marzo", ricorda ancora il Wall Street Journal, criticando anche altri statement diffusi nel tempo dall'Oms. Ma l''affondo' del quotidiano statunitense è un attacco personale a Tedros Ghebreyesus, ritenendolo "responsabile della maggior parte degli errori commessi dall'Oms in questa epidemia" e affermando che "è un politico più che un medico". E ancora: "come membro del Fronte di Liberazione del Popolo Tigray, di sinistra, è arrivato ad essere nominato ministro della Salute e poi degli Esteri dal governo autocratico dell'Etiopia". Il Wsj fa notare anche che, "dopo aver assunto la carica di direttore generale dell'Oms nel 2017, ha cercato di far nominare il dittatore dello Zimbabwe Robert Mugabe come ambasciatore di buona volontà dell'Organizzazione Onu".

Il Wsj si chiede poi: perché l'Oms "sembra molto più spaventato delle ire di Pechino che di quelle di Washington? Solo il 12% dei contributi assegnati all'Oms dagli Stati membri proviene dalla Cina, laddove gli Stati Uniti contribuiscono con il 22%. Gli americani nominati all'Oms in genere sono leali - sostiene il quotidiano Usa - mentre i cinesi mettono gli interessi cinesi al primo posto o comunque subiscono l'influsso di Pechino". Dunque, secondo il Wsj, "gli Stati Uniti avranno molti alleati nel tentativo di riformare l'Oms". Non a caso il vicepremier giapponese ha chiamato l'Oms 'Organizzazione cinese della sanità' e, secondo quanto riferito, il primo ministro britannico Boris Johnson sta ripensando i rapporti tra Regno Unito e Cina per la mancanza di trasparenza dimostrata in questa epidemia".

Infine, una riflessione: "Di tutte le istituzioni internazionali, l'Oms dovrebbe essere quella meno politicizzata, dal momento che la sua missione primaria è quella di coordinare gli sforzi internazionali contro le epidemie e fornire un onesto orientamento alla salute pubblica. Se invece diventa solo la Linea Maginot politicizzata contro le pandemie, allora è più che inutile e non dovrebbe ricevere più finanziamenti dagli Stati Uniti", conclude l'editoriale.

 



AdnKronos

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×