02 giugno 2020

Nord-Est

Coronavirus, strage di posti di lavoro in Veneto: se ne sono già persi 20mila

| commenti |

| commenti |

Coronavirus, strage di posti di lavoro in Veneto: se ne sono già persi 20mila

Dall'entrata in vigore del primo provvedimento restrittivo per contrastare la pandemia da Coronavirus, il 23 febbraio, il Veneto ha già perso dai 15 ai 20 mila posti di lavoro. Il dato arriva da 'Veneto Lavoro', l'ente strumentale della Regione Veneto che ha monitorato sull'impatto occupazionale dell'emergenza Covid-19 in Veneto.

 

Tra il 23 febbraio 2020, giorno in cui sono entrate in vigore le prime misure di contenimento alla diffusione del coronavirus, e il 22 marzo 2020, si è registrato in Veneto un calo dell'occupazione stimabile in circa 15-20 mila posti di lavoro dipendente, corrispondenti allo 0,7-0,8% dell'occupazione dipendente complessiva: la frenata è dettata principalmente dal calo delle assunzioni, -35% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

 

Il rallentamento della crescita occupazionale era già in atto da tempo, ma ha subito una vistosa e progressiva accelerazione proprio dopo il 23 febbraio "Ho chiesto di monitorare con cadenza mensile l'impatto sul mercato del lavoro dovuto all'emergenza Covid-19 - dichiara l'assessore regionale al Lavoro Elena Donazzan - Il primo report sul lavoro dipendente ci restituisce un dato allarmante, relativo principalmente ai contratti a tempo determinato, in un contesto economico che aveva già dimostrato un rallentamento verso la fine del 2019".

 

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×