24 settembre 2020

Cronaca

Coronavirus, Crisanti: aumento casi in Europa "campanello d'allarme"

|

|

Coronavirus, Crisanti: aumento casi in Europa

L'aumento di casi di positività in Europa al Coronavirus "penso che sia un campanello d'allarme": lo sostiene Andrea Crisanti, professore di Microbiologia dell'Università di Padova.

 

"L'Italia non è in una bolla che in qualche modo ci protegge - afferma - e poi rimane il fatto che non sappiamo le ragioni della differenza" nei numeri di positività rispetto all'Europa.

 

"Perchè nel resto d'Europa i casi aumentano e in Italia no? Non sappiamo - sottolinea - se questo è un problema". Per Crisanti "la scienza è misura ma purtroppo si misura quello che uno vuole. Non è di fatto obiettiva, dipende, purtroppo, da quello che si misura".

 

"Quindi se noi non misuriamo i casi in maniera corretta - conclude - potrebbe essere benissimo che stiamo facendo una grandissima sottostima".

 

In Europa i casi "stanno aumentando un po' dappertutto, con punte sicuramente preoccupanti in Spagna e l'Italia sembra stranamente immune" rileva ancora Crisanti. "C'è sempre una situazione di rischio nascosto - spiega in un incontro via Zoom sul tema 'Le indicazioni della scienza per evitare un nuovo lockdown' - potrebbe essere benissimo che noi stiamo facendo qualcosa di buono che gli altri non fanno. Sarebbe interessante saperlo perchè sarebbe una pratica ottimale da ripetere su vasta scala".

 

Ma per Crisanti l'altra possibilità "è che noi non contiamo i casi allo stesso modo, oppure non facciamo i tamponi alle persone giuste". L'unico modo per capire cosa sta succedendo, dunque, per il microbiologo, "è rapportarsi con i Centri di salute nazionali di Spagna, Francia e Germania per capire dove trovano questi casi e a chi fanno i tamponi".

 


| modificato il:

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×