28 settembre 2020

Mogliano

Coronavirus, bimba di 6 anni dona il suo salvadanaio alla protezione civile

Nel periodo del lockdown Lara aveva promosso una raccolta fondi tra gli anziani della casa di riposo di Monastier dove lavorano i genitori

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

salvadanaio

MONASTIER - “Rinuncio alle caramelle, ai giochi, alle figurine e dono il mio salvadanaio perché voglio tornare a scuola al più presto, giocare con i miei amici, andare al mare e far visita ai miei nonni”. Così Lara, 6 anni, che vive a Fossalta di Piave con la famiglia, lo scorso aprile, durante il periodo del lockdown, aveva deciso di portare il proprio salvadanaio, custodito gelosamente nella sua cameretta, nella casa di riposo “Villa delle Magnolie” di Monastier, dove lavorano come operatori socio-sanitari, entrambi i genitori.

Insieme aveva portato anche una bandiera tricolore che aveva disegnato da sola chiedendo a tutte le persone che frequentavano la struttura, soprattutto gli anziani, di fare anche loro un piccolo sacrificio e donare quello che potevano a favore di quegli uomini in giallo della protezione civile “che aveva visto in televisione lavorare e sacrificarsi” assieme agli operatori sanitari durante l’emergenza Covid. “Papà rinuncia ad un caffè, alle sigarette e di andare dal barbiere e li dona alla Protezione Civile – aveva scritto Lara in stampatello sopra il tricolore- io rinuncio alle caramelle ai giochi, alle figurine e dono il mio salvadanaio perché voglio abbracciare e tornare a scuola. Fatelo anche voi”. L’invito della bimba è stato ben accolto dagli anziani e dagli operatori di villa delle Magnolie che durante il periodo del lockdown è rimasta chiusa a parenti ed estranei preservando gli ospiti dal virus.

La consegna del salvadanaio alla protezione civile Ana Treviso

Nei giorni scorsi Lara e gli anziani hanno voluto consegnare di persona il prezioso salvadanaio alla Protezione Civile Ana di Treviso nelle mani del Coordinatore di Treviso, Bruno Crosato, accompagnato dal responsabile della squadra di protezione civile Ana di Monastier Antonio Cristofoletto e dal Colonnello Alpino Pietro Caporello. Lara è arrivata a Monastier accompagnata dalla sorella e da alcuni bambini e volontari del centro estivo. Ad attenderla anche il papà Abdallah e la mamma che vivono in Italia da oltre 32 anni. Per loro è stata una gioia poter donare il salvadanaio ma anche poter ringraziare di persona con un saluto distanziato i propri eroi in gilet giallo e salutare, anche se da oltre la recinzione i suoi cari nonnini.

“Lara ha avuto l'idea di portare il suo salvadanaio qui al Centro Servizi Villa delle Magnolie e di metterlo nella piazza accessibile ai nostri ospiti e al personale - ha detto Emanuela Calvani presidente di “Villa delle Magnolie" - ed è giusto che sia Lara assieme ai nostri anziani a consegnare il salvadanaio alla Protezione Civile”.

In tutto, grazie all’idea di Lara, sono stati raccolti 202 euro e 50 centesimi.

Visibilmente emozionato anche Bruno Crosato, di recente insignito dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella dell’onorificenza di Cavaliere proprio per l’impegno profuso dalla Protezione Civile Ana durante il Covid. “Con i soldi del salvadanaio di Lara compreremo altre mascherine, adatte per preservare tutti i nostri operatori volontari dal virus perché tante volte ci siamo trovati a contatto anche con ammalati. Durante il periodo dell'emergenza -ha raccontato Bruno Crosato- siamo stati impegnati non solo nella consegna dei dispositivi di protezione alle popolazioni dei vari comuni, ma anche negli ospedali del Veneto in particolare quello di Schiavonia e ancora oggi continuiamo nella nostra opera di sostegno”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Mogliano
Leggi altre notizie di Mogliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×