27 maggio 2020

Vittorio Veneto

Coronavirus: allarme al Cesana Malanotti, Rinascita Civica torna alla carica

| commenti |

| commenti |

Coronavirus: allarme al Cesana Malanotti, Rinascita Civica torna alla carica

VITTORIO VENETO - Rimane ancora nebulosa la situazione della casa di riposo di Vittorio Veneto Cesana Malanotti. Sono ormai passati più di 10 giorni dall’interpellanza fatta dai consiglieri Alessandro De Bastiani e Mirella Balliana per chiedere informazioni in merito allo stato attuale del Cesana. “Dal fronte dell’emergenza nessuna informativa ufficiale-ha dichiarato il grupppo Rinascita Civica tornato alla carica-Le voci corrono, le notizie si accavallano, cresce un allarme che nessuno si prende la responsabilità di governare.Continuano a pervenire notizie allarmanti sulla situazione del Cesana Malanotti. Dopo aver verificato quello che si riesce verificare, risulta che purtroppo non si tratta di falsi allarmismi. Purtroppo non serve neanche dire che al Cesana sta succedendo quello che succede in tutte le case di riposo. Fortunatamente ci risulta che ci sono strutture nelle quali l’emergenza non è così tragica”.

 

Non è chiaro il numero di persone contagiate dal Covid-19 tra gli utenti e il personale e in quanti tra i primi hanno perso la vita a causa del coronavirus. Hanno proseguito i consiglieri:“Non conosciamo i numeri precisi dei decessi negli ultimi giorni. Sono dieci, sono quattordici, sono diciassette? Nel reparto Covid del Cesana se ne sono contati due venerdì, e tre tra venerdì e sabato. Sono dati approssimativi, che richiederebbero conferme ufficiali. I rimanenti 20 ricoverati di quel reparto sono gravi. Sapere che l’età media è elevata non allevia l’angoscia per la solitudine che accompagna queste morti, senza un caro al capezzale senza un ultimo sguardo d’addio. Condizioni che non possono non gravare sull’equilibrio psicologico di chi sta operando in quella situazione e sull’angoscia dei familiari.Un’ emergenza continua affrontata con personale dimezzato. Sono arrivate tre persone di supporto su decine di mancanti”.

 

Non è mancato da parte dei consiglieri l’appello per un intervento urgente da parte dell’ Ulss2 per la creazione di un piano sanitario per la struttura:”Chiediamo se la task force istituita dall’Ulss2, guidata dal dott Moretto, ha eseguito la valutazione del rischio coronavirus al Cesana Malanotti come annunciato dal direttore sanitario Francesco Benazzi. Se è stato creato il piano sanitario annunciato e il relativo percorso da seguire con l’istruzione del personale presente sulle modalità da attuare per contenere il rischio. Chiediamo che i sindaci dei comuni interessati vengano informati dettagliatamente di tutti gli aspetti della situazione. Chiediamo le la task force dirami quotidianamente un bollettino informativo di aggiornamento. Lo fanno ai vari livelli può essere fatto anche al livello di Ulls2. Da dieci giorni abbiamo inoltrato la richiesta di informazioni al sindaco Miatto che non può risponderci in quanto lui stesso non riceve informazioni ufficiali”. Anche il sindaco Miatto in questi giorni si sta muovendo per avere informazioni su quanto sta accadendo nella struttura.

 

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×