06 agosto 2020

Mogliano

Coronavirus, 133 contagiati all'ex caserma. Il migrante: "Oggi ero atteso per un colloquio di lavoro"

"Purtroppo questa mattina ho dovuto avvertire l'agenzia per l'impiego che non sarei potuto recarmi all'appuntamento"

|

|

Coronavirus, 133 contagiati all'ex caserma. Il migrante:

CASIER - "Proprio oggi ero atteso per un colloquio di lavoro per un posto da operaio metalmeccanico in una grande azienda di elettrodomestici di Treviso": il rammarico è di un richiedente asilo 37enne, ospite della ex caserma "Silvio Serena" di Casier - dove sono stati riscontrati 133 positivi -, che il 25 giugno scorso aveva sostenuto la prova orale dell'esame di maturità all'istituto professionale "Giorgio Fermi".

 

La prova era stata svolta da remoto, sempre per gli effetti della precedente individuazione di un caso di positività all'interno della struttura, ed aveva avuto come esito la promozione ed il conseguimento del diploma.

 

L’uomo era fuggito nel 2012 dalla guerra nel suo paese, per riparare dapprima in Mali quindi in Algeria, dove ha lavorato come muratore, e infine in Libia. Da qui, trattato da schiavo fino al 2017, aveva tentato la fuga via mare ed era stato salvato da un naufragio nel Mediterraneo per raggiungere infine l'Italia.

 

"Purtroppo questa mattina - spiega il 37enne - ho dovuto avvertire l'agenzia per l'impiego che non sarei potuto recarmi all'appuntamento a causa del risultato del nuovo screening”.

 



Leggi altre notizie di Mogliano
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×