24 ottobre 2020

Nord-Est

Controlli nelle stazioni del Veneto: quattro arresti

Quasi duemila i controlli da parte della Polizia ferroviaria in tutta la Regione

| Gianandrea Rorato |

| Gianandrea Rorato |

Polfer

PADOVA - 1.964 identificati, 4 arrestati, 4 identificati, 224 servizi di vigilanza nelle stazioni, 8 specifici servizi antiborseggio espletati in abiti civili, 28 convogli vigilati da pattuglie a bordo treno, e 2 provvedimenti di DASPO urbano: è questo il bilancio dei risultati ottenuti dal personale del Compartimento Polizia Ferroviaria per il Veneto, nella settimana appena trascorsa, in relazione ai controlli negli scali di competenza.

Un arresto è stato effettuato dal personale della Sezione Polizia Ferroviaria di Padova, a bordo di un treno nella tratta Padova-Verona, nei confronti di un 50enne, risultato gravato da una condanna a 2 anni di carcere ancora da scontare.

Nella stazione di Venezia- Mestre, durante un controllo identificativo, gli Agenti della Polizia Ferroviaria hanno proceduto all’arresto di una 37enne, che, dagli accertamenti effettuati, è risultata destinataria di un ordine di carcerazione, per reati contro il patrimonio e connessi al traffico di stupefacenti, per i quali è stata condannata a 9 anni di reclusione.

Infine, il personale della Sezione Polizia Ferroviaria di Padova ha arrestato un 29enne per detenzione ai fini dello spaccio di sostanza stupefacente: alla vista degli operatori, l’uomo ha cercato di allontanarsi frettolosamente dallo scalo, è stato, però, fermato e, poiché sprovvisto di documenti identificativi, accompagnato in ufficio per gli accertamenti.

L’uomo, gravato da precedenti penali per reati inerenti gli stupefacenti, ha iniziato a palesare segni di nervosismo; invitato a mostrare il contenuto della borsa che portava al seguito, è stato trovato in possesso, oltre che di numerose banconote, anche di un involucro termosaldato, contenente dosi di eroina, destinate allo spaccio.

Operazione anche a Conegliano Veneto.

 


| modificato il:

Gianandrea Rorato

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×