28 marzo 2020

Vittorio Veneto

Continua la polemica sul Cesana Malanotti, 145mila euro di consulenze in 7 mesi

La critica arriva dal consigliere di Foza Italia Santantonio

| Roberto Silvestrin | commenti |

immagine dell'autore

| Roberto Silvestrin | commenti |

Continua la polemica sul Cesana Malanotti, 145mila euro di consulenze in 7 mesi

VITTORIO VENETO - Continua la polemica sul Cesana Malanotti, dopo la relazione in consiglio comunale del nuovo presidente del cda, Maurizio Castro. Le critiche arrivano dal consigliere di Forza Italia Paolo Santantonio, e si concentrano soprattutto sulle spese che il consiglio d'amministrazione ha sostenuto nei primi sette mesi d'attività per alcune consulenze.

 

Il "conto" presentato da Santantonio ammonta a 145mila euro: il rappresentante di FI ha stilato una vera e propria lista nel riepilogare i servizi che il Cesana ha richiesto a società di consulenza e revisione. "Al gruppo Fieldfisher sono andati circa 30mila euro - spiega Santantantonio- mentre per l'analisi commissionata a Ernst& Young ne sono stati spesi circa 114mila".

 

Secondo l'esponente di centro destra molti dei soldi versati per questo tipo di prestazioni, però, potrebbero essere stati risparmiati. Santantonio fa riferimento alla prima tranche (circa 83mila euro) investita per lo studio di E&Y, metà del quale sarebbe una sorta di "doppione" rispetto ad un'indagine realizzata dagli ispettori della Regione.

 

La parte della “Relazione sui risultati delle attività svolte” che riguarda la ricostruzione sulle anomalie amministrative sarebbe quindi superflua secondo Santantonio: "Esistevano tre relazioni ispettive sulle vicende del Cesana redatti dagli ispettori della Regione sui fatti dal1999 al 2001, che erano già in possesso di questo cda. Come mai si è deciso di fare una nuova relazione su misura, visto che in alcuni passi della relazione di E& Y si riprendono dei passaggi di quelle ispezioni?" 

 

Il capogruppo di FI vede una mossa "politica" nell'aver commissionato quella relazione: “circa 80mila euro (114mila meno i circa 30mila stimati per le slide del “Piano straordinario per il recupero dell'efficienza e della qualità competitiva 2017-2021”) di consulenze per scatenare una lotta legale tra fazioni contrapposte, di cui francamente non si capisce lo scopo. Ditemi che beneficio hanno gli anziani con queste battaglie legali".

 

Il vecchio cda era stato infatti nominato dal precedente sindaco, Gianantonio Da Re, e la querelle sembra al consigliere una "ripicca" politica. Ma non è tutto. Secondo Santantonio lo studio di E& Y "è molto generale, un semilavorato che va bene per qualsiasi lpab e che è stato adattato con qualche dato a quella di Vittorio".

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×