05 dicembre 2020

Esteri

Conte al G20: "Serve nuova visione mondo di domani"

|

|

Giuseppe Conte

"Ci impegniamo per il pieno successo della COP26, che sarà presieduta dal Regno Unito in collaborazione con l'Italia. In questo contesto, l'Italia ospiterà un evento innovativo, che consentirà ai giovani di tutto il mondo di scambiare opinioni, idee e persino critiche - si spera, in uno spirito costruttivo - con negoziatori e ministri presenti alla pre-COP. Abbiamo bisogno di una nuova visione per il mondo di domani, e non c'è dubbio che i giovani abbiano il diritto di dare un contributo decisivo a questo processo". Lo ha detto il premier Giuseppe Conte al G20.

"Dobbiamo sforzarci di trasformare in realtà la rapida attuazione dell'accordo di Parigi. L'Italia è fortemente impegnata a raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2050. Useremo questo obiettivo come motore e bussola per la nostra ripresa", ha aggiunto i premier.

Per Conte, "le sfide che stiamo affrontando oggi sono tra le più urgenti del nostro tempo. La minaccia rappresentata dal cambiamento climatico, il degrado del suolo e il declino della biodiversità globale ci hanno già portato a un bivio che determinerà se siamo in grado di salvaguardare il nostro pianeta e costruire un futuro sostenibile".

"Sono convinto che il G20 possa guidare il mondo nella giusta direzione.

In qualità di Presidenza 2021, cercheremo di sottolineare il ruolo chiave di questo Forum nel consentire accordi ambiziosi e lungimiranti nel quadro delle tre Convenzioni di Rio su clima, biodiversità e desertificazione", ha affermato.

"Gli impatti della pandemia sui nostri sistemi sociali ed economici non dovrebbero influire sulla nostra determinazione ad affrontare" le "sfide" per clima e ambiente. "Dovrebbero piuttosto spingerci a riconoscere - ha continuato il premier - che gli attuali sistemi economici, finanziari e produttivi non tengono adeguatamente conto dell'emergenza climatica e ambientale".

Per quanto riguarda l'Europa, ha spigato quindi il premier italiano, "l'Ue ha compiuto un passo importante in questa direzione" sull'emergenza climatica e ambientale "attraverso la sua Next Generation EU, che dedicherà almeno il 37% delle sue risorse finanziarie a investimenti verdi".

E ancora: "Come Presidenza del G20, l'Italia si concentrerà sul nesso clima-energia e su come realizzare rapide transizioni verso un futuro a emissioni zero. La nozione di economia circolare, base concettuale della proposta saudita di una piattaforma Carbon Circular Economy, avrà la sua parte da svolgere nel portare avanti questa transizione", ha detto Conte, sottolineando: "Non c'è scampo, tuttavia, dall'urgente necessità di ridurre le emissioni.

Questo deve essere il fulcro di tutti gli sforzi per combattere il cambiamento climatico. Cercheremo quindi di promuovere la diffusione di tecnologie pulite ed efficienti, con particolare attenzione alla modernizzazione dei centri urbani, comprese le città intelligenti, e alla promozione delle condizioni per un futuro verde, che crea occupazione e sostenibile".

"Noi, come G20, dobbiamo dare prova di leadership nel rendere tutto ciò una realtà, poiché le nostre azioni contano e risuonare ad alta voce nel resto del mondo", ha spiegato.

 

TRUMP AL SUMMIT: "ACCORDO PARIGI INIQUO" - "Appena arrivato al G20 virtuale. Ero lì anche ieri (presto), ma alcuni dei media fake news non l'hanno riferito in modo corretto, come al solito. Il mio discorso è a disposizione (alcuni hanno detto che non l'ho fatto".

Così Donald Trump su Twitter, sulla sua partecipazione al vertice dei leader del G20 in videoconferenza, da dove ieri, secondo alcune indiscrezioni, sarebbe andato via in anticipo per giocare a golf.

Trump ha definito "molto iniquo e di parte l'accordo di Parigi contro il riscaldamento globale il cui obiettivo - ha detto - era quello di "uccidere l'economia americana". In un videomessaggio diffuso oggi al vertice del G20, l'inquilino della Casa Bianca ha argomentato che sotto la sua guida, gli Stati Uniti hanno rinunciato all'accordo per non perdere "milioni di posti di lavoro americani e miliardi di dollari" a vantaggio dei "peggiori inquinatori del mondo". Trump ha detto che la sua amministrazione ha fatto molto per proteggere l'ambiente, anche senza "accordi internazionali unilaterali".

 



vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×