03 giugno 2020

Montebelluna

Consiglio comunale a porte chiuse a Trevignano: partecipanti distanziati di un metro

Una foto storica quella del consiglio comunale di Trevignano nell’epoca del Coronavirus

| Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

immagine dell'autore

| Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

Consiglio comunale a Trevignano

TREVIGNANO – Il consigliere comunale di minoranza Toni Venturato, ci scrive dopo aver preso parte ieri sera ad un’inconsueta assise municipale a Trevignano. “È stato un consiglio comunale strano, anomalo, diverso, quello di ieri sera. L'emergenza coronavirus ci ha fatto sedere a qualche metro di distanza. Ho deciso di esserci ieri sera, per senso civico, per rispetto verso i cittadini, perché ci metto sempre tanto impegno nelle cose che faccio. Ieri sera si è discusso di cose importanti come l'asfaltatura di strade (e di un intera zona di Falzè oltre che di via Palladio a Musano), del nuovo palazzetto, il nuovo centro per la raccolta differenziata, della biblioteca, delle azioni Asco. Argomenti particolarmente sentiti ed importanti”.

Alcuni consiglieri hanno ritenuto di non prendervi parte, persuasi che vista l’emergenza si potesse rinviare. Di diverso avviso il sindaco e la maggioranza, convinti di dover dare un segnale forte ai cittadini che nonostante tutto le istituzioni ci sono e lavorano per loro: “Ci tengo a precisare che rispetto la decisione di chi non ha voluto partecipare all'assemblea pur non condividendone il motivo, la forma comunicativa ed il mancato coinvolgimento nell' ipotetica discussione anche da parte di tutti i membri della minoranza. Ribadisco, rispetto ma non condivido – conclude Venturato -. Penso che questa foto rimarrà nella storia di Trevignano e tra qualche decennio la commenteranno i nostri figli magari in qualche mostra fotografica storica proprio a Villa Onigo”.

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Montebelluna
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×