26 gennaio 2021

Conegliano

Conegliano, un attacco durissimo contro l’ex sindaco Chies: “Preferito il disegno di pochi noti agli interessi della comunità”

La lunga nota dei Popolari per Conegliano

| Roberto Silvestrin |

immagine dell'autore

| Roberto Silvestrin |

Stefano Dugone

Stefano Dugone


CONEGLIANO - Se serviva un'ulteriore conferma della spaccatura, beh, allora i Popolari per Conegliano l’hanno servita su un piatto d’argento. Con una lunga nota – abbastanza inaspettata, visto che l’amministrazione Chies è caduta da più di 20 giorni – questa mattina hanno attaccato il centrodestra dell’ex maggioranza a 360 gradi, partendo addirittura dalle elezioni del 2017.

“La formazione della giunta e la designazione del presidente del consiglio non furono ossequiose verso gli accordi politici stipulati, quanto piuttosto frutto amaro di accordi personali mai ratificati o conosciuti alle forze in campo prima della competizione elettorale – dichiarano i Popolari, rappresentati in consiglio da Stefano Dugone e Francesco Polo -. La conseguenza di tale condotta è stata la sovraesposizione numerica e di deleghe in capo a soggetti che avevano riscosso un minor numero di consensi. Il rispetto del voto elettorale è mancato subito in questa prima fase”.

I Popolari erano stati la terza forza per numero di voti all’interno del centrodestra, e il loro contributo elettorale era stato più che utile per eleggere Chies al primo turno. “Il sindaco ha poi promesso di sistemare politicamente la questione violando anche patti successivi, dopo aver condiviso per mesi un percorso, anche qui senza fornire alcuna giustificazione. Vedi la questione relativa al Cda di Casa Fenzi per citare un esempio, Cda che risulta incompleto ancora oggi”, continuano i Popolari. Dugone e Polo rientrano tra i 13 consiglieri che si sono dimessi ponendo fine al mandato di Chies. E oggi si sono tolti più di qualche sassolino dalle scarpe, visto che hanno sparato letteralmente a zero su tutti i provvedimenti presi dall’amministrazione caduta anzitempo. E non è andata giù nemmeno “la quotidiana visita da parte di qualche ex a cantieri aperti, nonostante la contrarietà di alcuni componenti dell'ex maggioranza”.

I Popolari hanno più volte ribadito la loro appartenenza al centrodestra, ma hanno già annunciato di non gradire un’eventuale ricandidatura di Chies per le elezioni della prossima primavera. “Per tre anni e mezzo abbiamo sempre teso la mano al sindaco nell’ottica di una collaborazione paritetica e rispettosa di tutti i ruoli istituzionali e della volontà popolare uscita dalle urne – sostengono -. Abbiamo rivendicato, anche in consiglio comunale a più riprese, la necessità di chiedere una revisione, una messa a punto della maggioranza, la cui azione non era in molti campi visibile. Abbiamo fatto proposte che sono state insabbiate e spesso siamo stati derisi o allontanati senza giustificato motivo, quasi scontassimo il peccato originale di avere delle idee o delle proposte, come se far i consiglieri comunali si risolvesse solo nell’alzare la mano senza dare un contributo effettivo alla causa. Non siamo, e non potremmo mai essere degli yes man”.

Secondo la versione dei Popolari ci sarebbero stati spiragli per finire il mandato, e non sarebbero mancate - da parte “di più forze politiche” - le proposte di trovare una conciliazione. Proposta “cassata con un perentorio diniego dal già sindaco. Dimostrando ancora una volta chiusura mentale e utilizzo strumentale della situazione ai soli fini di propaganda politica personale. Si è a nostro avviso ancora una volta preferito il disegno di pochi noti, assecondando le voglie di sovraesposizione, agli interessi collettivi della comunità”. “Per questo noi, che siamo di centrodestra, auspichiamo un cambio nelle modalità di fare politica, nell’approccio leale e corretto verso tutte le forze di maggioranza”, scrivono chiudendo la nota. Se serviva una conferma...
 

 


| modificato il:

foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Conegliano
Leggi altre notizie di Conegliano

Dello stesso argomento

immagine della news

31/12/2020

Buon 2021: gli auguri dai sindaci della Marca

Gli auguri da: Treviso, Castelfranco, Vittorio Veneto, Montebelluna, Conegliano, Mogliano, Asolo, Pieve di Soligo, Oderzo, Motta di Livenza, Pieve del Grappa, Valdobbiadene e Ponte di Piave

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×