22 gennaio 2021

Conegliano

Conegliano, rivoluzione in atto per riportare in città il mercato del venerdì

Domani ci sarà ancora la versione "ristretta", gli uffici stanno lavorando per venerdì 4 dicembre

| Roberto Silvestrin |

immagine dell'autore

| Roberto Silvestrin |

Conegliano, rivoluzione in atto per riportare in città il mercato del venerdì

CONEGLIANO - Si lavora per trovare una soluzione per il mercato del venerdì. Domani ci sarà ancora la versione “ristretta”, con le sole bancarelle dei generi alimentari in piazza Calvi. Ma dalla prossima settimana potrebbe esserci un ritorno della versione tradizionale del mercato, anche se con alcune modifiche per rispettare le norme anti-covid.

 

L’idea è quella di un “mercato come a Natale, con il centro chiuso al traffico”, spiega il comandante della polizia locale Claudio Mallamace. Verrebbe quindi vietato il transito delle auto lungo via Mazzini e via Vittorio Emanuele II, con deviazione del traffico verso piazzale san Martino. Le bancarelle di via XX Settembre e via Cavour verrebbero quindi spostate sul cosiddetto “Refosso”, e via Vittorio Emanuele II, insieme a via Mazzini, ospiterebbe gli ambulanti su entrambi i lati della strada.

 

Rimarrebbe invece inalterata la situazione in via Colombo e in via Carducci. Quest’organizzazione però consentirebbe di recintare – letteralmente - il mercato, misura prevista dalle norme anti-Covid. Come precisa Mallamace, però, serviranno una ventina di volontari per contingentare e regolare il gli ingressi del mercato, che verrà diviso in cinque grandi settori, per garantire il rispetto delle norme. Dovranno però essere gli ambulanti a “procurarsi” gli addetti agli ingressi.

 

Tutto questo dovrebbe permettere di riportare le circa 180 bancarelle di tutte le tipologie a Conegliano. Del resto questa modalità ha già funzionato durante le festività natalizie, anche se va considerato che si tratterebbe della prima edizione di questo tipo ai tempi del Covid-19. Per gli spostamenti a piedi non ci saranno eventualmente problemi, perché i marciapiedi rimarranno liberi per chi dovrà recarsi a lavoro, o in qualche attività o ufficio.

 

Ci saranno invece, se dovesse essere messa in campo questa soluzione, inevitabili disagi al traffico. Ma si tratta dell’unico modo per permettere anche agli ambulanti di lavorare, in un periodo nero come questo.

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Conegliano
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×