22 ottobre 2020

Conegliano

Conegliano, i principali torrenti della città inquinati da pesticidi

La denuncia dell'ambientalista Fabio Padovan

|

|

Conegliano, i principali torrenti della città inquinati da pesticidi

CONEGLIANO - Ogni anno, da anni, i due principali corsi di Conegliano d’acqua diventano fogne tombali a cielo aperto. Niente più vita dentro la melma bluastra e puzzolente che si forma dopo le irrorazioni dei vigneti e dopo le vendemmie.

 

Quest’anno qualcosa è venuto alla luce, grazie all’intervento del consigliere comunale Alberto Ferraresi del M5S, che ha documentato la situazione del Monticano.

 

La stessa situazione si riscontra però anche sul Ferrera, a 200 metri dalla sua sorgente, a Collalbrigo.

 

Le foto qui pubblicate lo testimoniano.

 

 

“Nelle dolci colline del dio Prosecco si sta male, da anni, a causa dell’inquinamento – commenta Fabio Padovan, del comitato “Colli Puri – Collalbrigo respira” -. Aria irrespirabile pregna di pesticidi, che sono in relazione con tante gravi patologie, colture private contaminate dai peggiori pesticidi. Tutto è contaminato e inquinato. Anche l’acqua dei nostri torrenti è irrimediabilmente inquinata. L’inquinamento da irrorazioni va da aprile a settembre. Da settembre, poi, si cominciano a bruciare ramaglie così che i fumi rendono l’aria pungente e di nuovo pericolosa per chi qui è costretto a vivere. Ma quando finirà mai questo scempio? Tra l’altro pagato anche coi miei sold. Dov’è l’assessore all’ambiente? Non pervenuto. La popolazione è lasciata a sé stessa, che si arrangi”.

 



Leggi altre notizie di Conegliano
Leggi altre notizie di Conegliano

Dossier

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×