24 luglio 2021

Conegliano

Conegliano, atto vandalico in centro: "Abbiamo toccato il fondo"

Le reazioni del mondo della politica dopo l'ennesimo episodio di vandalismo

| Roberto Silvestrin |

immagine dell'autore

| Roberto Silvestrin |

Conegliano, atto vandalico in centro:

CONEGLIANO - “Per quanto riguarda la sicurezza locale, c’è stato un lungo e costante disimpegno. Abbiamo toccato il fondo, e forse ci sarà una reazione. Ad ogni modo, non basterà”. A dichiararlo, dopo l’ennesimo episodio verificatosi ieri in centro, è Alberto Ferraresi, ex capogruppo dei 5 Stelle e oggi esponente di “Noi per Conegliano”.

 

“È necessario investire in forme di educazione civica, che non è solo una materia insegnata a scuola – continua Ferraresi -. L’educazione si apprende anche frequentando le associazioni sportive e culturali”. Ieri pomeriggio, a pochi passi dalla stazione ferroviaria, è stato rovesciato un bidone della spazzatura. Una donna avrebbero ripreso l'autore del gesto, e sarebbe stata insultata: sul posto sono arrivate anche le forze dell’ordine. “Sarebbe troppo semplice scaricare il problema sulle forze dell’ordine – dichiara Giuseppe Montuori, commissario provinciale di Fratelli d’Italia -. Credo che il problema sia più profondo e che sia necessario riflettere sul senso di comunità e sugli spazi di aggregazione che mettiamo a disposizione dei ragazzi oggi”.

 

Lorenzo Burgio, presidente del circolo coneglianese di Fdi, è stato tra i primi a segnalare l’atto vandalico. “Qui ci vuole un progetto sicurezza, non rattoppi”, ha scritto sul proprio profilo Facebook. Qualche giorno fa il commissario straordinario Antonello Roccoberton ha firmato un’ordinanza contro il degrado e gli eccessi della movida. Il documento vieta di bivaccare “in tutto il centro abitato ed in particolare di sedersi nel porticato del Duomo di Conegliano, Loggia del Municipio, Scalinata degli Alpini, Corte delle Rose, piazzale Fratelli Zoppas e Gallerie Dalla Zentil e Centraffari”.

 

Tutti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, inoltre, dovranno chiudere “dalle 1 alle 5, fatti salvi provvedimenti più restrittivi correlati all’emergenza sanitaria per Covid-19”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Conegliano
Leggi altre notizie di Conegliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×