27 luglio 2021

Conegliano

Conegliano, "almeno un terzo dell'area ex Zanussi va destinato a parco"

Nessuna offerta per l'area nord dell'ex Zanussi. Le proposte di "Noi per Conegliano"

| Roberto Silvestrin |

immagine dell'autore

| Roberto Silvestrin |

Conegliano,

CONEGLIANO - Nessuna offerta per l’area nord dell’ex Zanussi. L’asta di ieri non ha regalato novità alla città di Conegliano, ma ha risvegliato il dibattito sul futuro del sito.

 

“Le esperienze a cui fare riferimento non mancano in Italia e in Europa. La Cité du Vin è un’ottima idea e il gruppo intende anche dare spazio alla ricerca: al momento Università di Padova e Crea-Viticoltura si trovano nell’ambito della scuola enologica e non hanno modo di ampliarsi, nell’area potrebbero insediarsi centri di ricerca legati ad altri ambiti agricoli e ambientali, oltre a quelli del mondo del vino”, dichiara l’architetto Carlo Dal Vera, esponente della coalizione “Noi per Conegliano”.

 

L’obiettivo della civica è quello di realizzare un sito “green”: “Almeno un terzo dell’area va destinato a parco”, dichiara Amedeo Fadini, membro di “Noi per Conegliano” e del suo gruppo di lavoro “Urbanistica e Sviluppo sostenibile”.

 

Negli 11 ettari dell’area potrebbero essere realizzati ambienti da dedicare “alla ricerca e all’innovazione” e spazi per la “residenza innovativa, il social housing inter-generazionale”.

 

Sul piatto, ovviamente, c'è anche la questione relativa ai parcheggi. “Pensare a quasi mille posti auto a raso ridurrebbe la superficie da destinare a parco”, sostiene Italo Rebuli, altro esponente di “Noi per Conegliano -. Si potrebbe pensare anche ad una soluzione multipiano”.

 

Secondo la civica, la nuova amministrazione deve “assumersi la responsabilità di dare indirizzi precisi”.

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Conegliano
Leggi altre notizie di Conegliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×