05/12/2021nubi sparse

06/12/2021sereno

07/12/2021velature lievi

05 dicembre 2021

Conegliano

Conegliano, "al ballottaggio due candidati che non sono stati votati da 8 persone su 10"

L'ex candidato Quarta propone un nuovo regolamento elettorale

| Roberto Silvestrin |

immagine dell'autore

| Roberto Silvestrin |

Conegliano,

CONEGLIANO - “Il secondo turno elettorale di Conegliano vedrà protagonisti due candidati sindaci che non sono stati votati da 8 persone su 10 al primo turno. Nel caso, molto probabile, che al ballottaggio non voti il 50% degli elettori iscritti nelle liste elettorali, si pone il problema della rappresentatività del sindaco eletto”. Antonio Quarta, ex candidato sindaco di Lista Civica Parè, propone un nuovo regolamento elettorale. Ha infatti lanciato, sulla piattaforma Change.org, una petizione diretta alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e al Governo.

 

“In provincia di Treviso, in base a queste modifiche, sarebbero nulle le elezioni del sindaco e dei consigli comunali nei comuni di Cappella Maggiore, Castelcucco, Cordignano, Fregona, Godega di Sant'Urbano, Istrana, Mareno di Piave, Monfumo, Motta di Livenza, San Biagio di Callalta, Tarzo e Volpago del Montello, e – per quanto riguarda i comuni con più di 15mila abitanti - in quelli di Castelfranco Veneto, Montebelluna, Oderzo e Villorba”, sostiene Quarta.

 

Queste le modifiche proposte dall’ex candidato sindaco:

1) “In caso di un numero di votanti inferiore al 50% degli elettori iscritti nelle liste elettorali del comune, anche nel caso del turno di ballottaggio in caso di parità di voti dei due candidati alla carica di sindaco che hanno ottenuto al primo turno il maggior numero di voti, l’elezione è nulla”.

 

2) “E' proclamato eletto sindaco il candidato alla carica che ottiene la maggioranza assoluta dei voti validi, purché il numero dei votanti non sia stato inferiore al 50% degli elettori iscritti nelle liste elettorali del comune, altrimenti l’elezione è nulla”.

 

3) “Qualora nessun candidato ottenga la maggioranza di cui al comma 4 e il numero dei votanti non sia stato inferiore al 50% degli elettori iscritti nelle liste elettorali del comune, si procede al secondo turno elettorale che ha luogo la seconda domenica successiva a quella del primo. L’elezione del sindaco al secondo turno elettorale è nulla quando il numero dei votanti sia stato inferiore al 50% degli elettori iscritti nelle liste elettorali del comune. Sono ammessi al secondo turno i due candidati alla carica di sindaco che hanno ottenuto al primo turno il maggior numero di voti. In caso di parità di voti tra i candidati, è ammesso al ballottaggio il candidato collegato con la lista o il gruppo di liste per l’elezione del consiglio comunale che ha conseguito la maggiore cifra elettorale complessiva. A parità di cifra elettorale, partecipa al ballottaggio il candidato più anziano di età”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Conegliano
Leggi altre notizie di Conegliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×