29 novembre 2020

Conegliano

Conegliano, è caos nella maggioranza. Il sindaco: "Se non ci saranno le condizioni, torneremo al voto"

Il sindaco potrebbe "non avere i numeri" in consiglio comunale

| Roberto Silvestrin |

immagine dell'autore

| Roberto Silvestrin |

Conegliano, è caos nella maggioranza. Il sindaco:

CONEGLIANO - Il terremoto dentro la maggioranza rischia di avere grosse ripercussioni per la città di Conegliano. Addirittura si potrebbe tornare a votare, solo tre anni dopo le ultime amministrative. A confermare questa possibilità è lo stesso sindaco Fabio Chies, attraverso un post su Facebook:

 

“Se potrò continuare a lavorare in serenità per la nostra splendida città di Conegliano continuerò a farlo con il massimo impegno e dedizione come dal primo giorno del mio mandato, altrimenti, se non ci saranno le condizioni, torneremo al voto”. E proprio le condizioni per la prosecuzione del mandato potrebbero venire meno, visto che il sindaco potrebbe “non avere i numeri” in consiglio comunale.

 

Il “caso” scatenato dalla mozione per sfiduciare l’assessore Claudia Brugioni ha infatti fatto perdere i pezzi alla maggioranza: Leopoldino Miorin e Pierantonio Bottega hanno protocollato nei giorni scorsi la richiesta di entrare a fare del gruppo misto e di lasciare il gruppo di Forza Italia a cui appartengono. Chies i problemi se li è ritrovati proprio “in casa”, visto che è coordinatore provinciale proprio di Forza Italia.

 

L’ago della bilancia è rappresentato però dai Popolari per Conegliano, da tempo in rotta con la maggioranza. Se Miorin e Bottega, insieme ai Popolari, in consiglio comunale dovessero quindi votare contro la maggioranza, a livello di voti si sarebbe sul 13 a 11 in favore della minoranza. Il voto del sindaco non porterebbe nemmeno al pareggio.

 

“Mi chiedono come faccia ad essere così tranquillo – continua Chies nel suo post -. Semplicemente ritengo che il consiglio mi abbia lasciato governare e lavorare bene per la città assieme alla mia giunta, se qualcosa muterà la democrazia prevede che si torni dagli elettori e la democrazia non deve spaventare mai”.

 

La mossa dei forzisti di andare nel gruppo misto però – ha rivela Bottega – potrebbe essere “un’ancora di salvataggio”, perché i due consiglieri potrebbero votare sempre a favore della maggioranza, anche se dall’esterno. Il banco di prova sarà inevitabilmente il prossimo consiglio comunale, ma i contrasti potrebbero essere appianati con un “bel rimpasto di giunta”, possibilità tirata in ballo dallo stesso Bottega.

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Conegliano
Leggi altre notizie di Conegliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×