09 maggio 2021

Nord-Est

Con la "Brexit" i nostri ragazzi in Erasmus rischiano di tornare a casa

Unilab e Confederazione studenti hanno scritto una lettera al Parlamento europeo: "Per dare una speranza concreta ai più di tremila studenti italiani, prima che sia troppo tardi".

| Roberto Grigoletto |

immagine dell'autore

| Roberto Grigoletto |

studenti

NORDEST - Saranno più di quelli che si immaginano gli effetti della “Brexit”. Le ricadute sul mondo dell’istruzione e della formazione sono state finora probabilmente sottovalutate. Studenti della scuola superiore e dell’università non sanno, a questo punto, se e come potranno proseguire i loro “Erasmus”.

Unilab Svoltastudenti e Confederazione degli Studenti hanno quindi inviato una lettera ai politici europei ed italiani per richiedere attenzione sul “Programma Erasmus+” in concomitanza alla Brexit. “Viste le ultime dichiarazioni del Primo Ministro Johnson che vedono il “Programma Erasmus+” superato dal lancio del programma “Turing Scheme” chiediamo di prendere un impegno, perorando la causa e diventandone portavoce prima che sia troppo tardi, per dare una speranza concreta ai più di tremila studenti italiani, e ancora di più ai circa trentamila studenti europei, al fine di mantenere saldi i rapporti di scambio culturale e formativo con il Regno Unito”.

La missiva è stata indirizzata all’italiano Presidente del Parlamento Europeo, David Sassoli, alla Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen e ai ministri dell’Università e degli Esteri, Manfredi e Di Maio: “Si vuole rappresentare il punto di vista della nostra generazione e di quelle che verranno, affinché la possibilità disvolgere un periodo di studio nel Regno Unito possa continuare a favorire l’arricchimento del bagaglio culturale degli studenti italiani. Il momento per evitare che le porte della Gran Bretagna si chiudano per sempre ai nostri studenti è oggi e noi, malgrado tutto, non vogliamo smettere di riporre le nostre speranze nella formazione”. I firmatari - Unilab Svoltastudenti - La Students’ Union Italiana e Confederazione degli Studenti - sono associazioni e realtà di rappresentanza apartitiche ed aconfessionali, attive rispettivamente dal 2013 e 1995 su tutto il territorio nazionale.

 



foto dell'autore

Roberto Grigoletto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×