27/09/2022nubi sparse e temporali

28/09/2022pioggia debole

29/09/2022nubi sparse e rovesci

27 settembre 2022

Montebelluna

Comune e Guardia di finanza alleati nella tutela della legalità

Siglata intesa per implementare la collaborazione e garantire un presidio di legalità, a tutela dei fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

| Margherita Zaniol |

| Margherita Zaniol |

comune di Montebelluna

MONTEBELLUNA - Il Comune di Montebelluna e il Comando Provinciale della Guardia di Finanza hanno siglato oggi un protocollo di intesa, con l’obiettivo di implementare la reciproca collaborazione e garantire un adeguato presidio di legalità, a tutela delle risorse del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Il Protocollo, firmato dal Sindaco, Adalberto Bordin, e dal Comandante Provinciale, Col. t.ST Francesco De Giacomo, muove dalla consapevolezza che un intervento dalla portata epocale, come il PNRR, destinato a essere il volano per il rilancio e la crescita del nostro Paese, richiede la più stretta sinergia tra le Amministrazioni, in linea, peraltro, con quanto richiesto dalle norme europee.

Il Regolamento 241/2021, che ha istituito, a livello europeo, il dispositivo per la ripresa e la resilienza, prevede, infatti, che gli Stati membri debbano adottare ogni iniziativa utile a prevenire e contrastare i casi di frode, corruzione, conflitti di interesse e doppi finanziamenti, lesivi degli interessi finanziari dell’Unione, anche mediante il potenziamento del proprio sistema nazionale antifrode. In tale strategia si inserisce l’accordo tra il Comune di Montebelluna e la Guardia di Finanza, che ha, tra le proprie missioni istituzionali, le funzioni di prevenzione, ricerca e repressione delle violazioni in materia di uscite del bilancio dell’Unione europea e di quello nazionale, nonché di ogni altro interesse economico-finanziario.

L’intesa – il cui obiettivo è assicurare un flusso reciproco di notizie e di dati utili, al fine di una maggiore efficacia nel perseguimento dei rispettivi fini istituzionali – mira a rafforzare le iniziative a tutela della legalità dell’azione amministrativa relativa all’utilizzo di risorse pubbliche e, in particolare, di quelle destinate al PNRR, attraverso la prevenzione e il contrasto di qualsiasi violazione, nel quadro delle rispettive competenze, disciplinando modalità di coordinamento e cooperazione idonee a sostenere, nel rispetto dei rispettivi compiti istituzionali, la legalità economica e finanziaria nell’ambito del territorio di riferimento.

In tale ambito, il “cuore operativo” del protocollo prevede che il Comune di Montebelluna comunichi alla Guardia di Finanza informazioni e notizie circostanziate, ritenute rilevanti per la repressione di irregolarità, frodi e abusi di natura economico-finanziaria, di cui sia venuto a conoscenza quale soggetto destinatario finale / beneficiario / attuatore, segnalando gli interventi, i realizzatori o esecutori che presentino particolari elementi di rischio, per le autonome attività di analisi e controllo da parte delle Fiamme Gialle, fornendo ogni informazione ed elemento utili e/o necessari.

La durata del protocollo è prevista fino al completamento del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e, comunque, non oltre il 31 dicembre 2026. Il memorandum siglato oggi testimonia l’impegno di tutti gli attori, in campo nella Marca trevigiana, per preordinare le condizioni affinché l’opportunità rappresentata dalle ingentissime risorse del Piano possa dispiegarsi in maniera efficiente e tempestiva, conseguendo gli obiettivi di crescita e consolidamento economico che il Piano stesso si prefigge.

Commenta il sindaco, Adalberto Bordin: “Come ho avuto modo di dire in più occasioni, quello del PNRR è un treno che passa solo una volta, un’opportunità senza precedenti che si presenta agli enti locali in termini economici e di sviluppo. Per questo, non solo ho voluto istituire una delega specifica in tema di PNRR che ho dato al vicesindaco, ma poche settimane dopo l’insediamento abbiamo istituito anche un ufficio apposito che si sta dedicando completamente ai bandi relativi al PNRR e a tutte le pratiche per eventuali altri contributi e finanziamenti. I risultati si stanno già vedendo, infatti, in soli due mesi siamo riusciti a partecipare a cinque bandi su tematiche differenti. Si tratta prevalentemente di progetti riguardanti l'edilizia scolastica, condivisi in maggioranza e per i quali, qualora avessero esito positivo, ci riserveremo ulteriori approfondimenti e confronti con tutti i consiglieri per definire modalità operative e di attuazione.

Parliamo di progetti a valere su fondi PNRR per un valore di quasi 29 milioni di euro e che riguardano sia la realizzazione della nuova scuola media Papa Giovanni e la nuova mensa del plesso, la nuova palestra della primaria di San Gaetano, l’efficientamento energetico e l’adeguamento antisismico dell’asilo nido, l’adeguamento sismico delle scuole medie di Biadene, della primaria dei Pilastroni e delle palestre Saccardo e Marconi. Ricordo infine che il Comune risulta già beneficiario di 5 milioni di euro provenienti dai fondi PNRR e che saranno impiegati per tre interventi: il completamento del restauro di Villa Pisani mediante recupero di corpi di fabbrica (3.4 milioni di euro), i lavori di restauro di Villa Pullin (1,430 milioni di euro) e la riqualificazione del parco Bertolini (170mila euro)”.
 

 


| modificato il:

Margherita Zaniol

Leggi altre notizie di Montebelluna
Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×