11 agosto 2020

Montebelluna

Il Comitato a Bottacin: “Tutti noi siamo a favore della messa in sicurezza del Bacino del Piave”

Ieri il flashmob del Comitato per ribadire la necessità di tutelare il fiume

| Ingrid Feltrin Jefwa |

immagine dell'autore

| Ingrid Feltrin Jefwa |

Flashmob alle Grave di Ciano

FOTO: Flashmob del Comitato per la tutela delle Grave di Ciano ieri sul Piave

CROCETTA DEL MONTELLO – Flashmob del Comitato per la tutela delle Grave di Ciano ieri sul Piave ed oggi una dura replica alle affermazioni dell’assessore Bottacin, dopo che ha reso noto di aver scritto al Ministro Costa: “Siamo molto perplessi della richiesta scritta al Ministero dell'Ambiente citata nel comunicato stampa dell'assessore Bottacin che ricordiamo a tutti ricoprire il ruolo di Assessore regionale non solo alla Protezione Civile ma anche all'Ambiente e pertanto ci aspetteremmo che le soluzioni che si andranno ad individuare a fronte della problematica delle eventuali esondazioni del fiume Piave fossero nel pieno rispetto delle Direttive Europee vigenti a tutela dell'Ambiente”.

Franco Nicoletti, presidente del Comitato quindi prosegue: “Se consideriamo che siamo alle porte delle elezioni regionali, non stupisce il tentativo di scaricare responsabilità sull'attuale Governo, sul Comitato per la tutela delle Grave di Ciano, sull’amministrazione comunale di Crocetta del Montello, sulle Associazioni Ambientaliste, sulla cittadinanza e su chiunque non sia d'accordo con i Piani di Intervento da lui citati vecchi di 30 anni e completamente al di fuori delle Direttive Europee vigenti. Inoltre, se ha dato “ben 2 mesi di tempo" a chiunque voglia fornire un Piano di Intervento alternativo, ci chiediamo come mai non lo faccia la Regione con l'Autorità di Bacino competente un Piano efficace e rispettoso considerata la grande disponibilità di risorse che hanno a disposizione”.

Le considerazioni quindi proseguono: “Ci sorprende il pressapochismo della sua comunicazione istituzionale, siamo passati da 100.000 persone da salvare di un mese fa alle 300.000 di oggi. Non abbiamo rilevato una tale esplosione demografica in questo ultimo mese. Ci rendiamo conto della difficoltà dell'Assessore e del Governatore Zaia nel non riuscire a giustificare le inefficienze dei progetti presentati finora (guarda caso commissionati da una azienda privata di escavazioni) e quindi cercare di scaricare responsabilità su altri, soprattutto su forze politiche avverse alle prossime elezioni. Riteniamo che questo futile tentativo, della serie “noi volevamo mettere in sicurezza il Territorio ma PD e M5S, forze ora al Governo forse non ce lo lasciano più fare”, nel cercare di mistificare il fallimento di questa gestione in campagna elettorale sia un ulteriore grosso errore, i cittadini sono stati informati e coinvolti (dal Comitato e non dalla Regione come prevederebbero le Direttive…) sui Piani di Intervento ora esistenti e presentati dalle Autorità e sulle modalità alternative di pianificazione rispettose del Territorio”.

In fine: “Ricordiamo all’Assessore che tutti noi siamo a favore della messa in sicurezza del Bacino del Piave, ma non vogliamo che le opere da realizzarsi siano finalizzate all'interesse di qualcuno bensì all'interesse di tutte le Comunità rivierasche, dalla sorgente alla foce. Se una volta tanto si vorrà operare nel rispetto dell'Ambiente e della sicurezza, possibilmente senza ulteriori dannose escavazioni e nuove imponenti cementificazioni nel Bacino del Piave, cosa che sarebbe suo compito considerato l'Assessorato che ricopre, avrà l'appoggio incondizionato da parte nostra, del Governo, di tutti i cittadini e Associazioni sensibili a queste problematiche”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Montebelluna
Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×