26 settembre 2021

Treviso

Il Comic Book festival torna a colorare Treviso

Dal 24 al 26 settembre, 9 mostre, workshop, incontri e oltre 300 vetrine della città decorate da 40 artisti

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

tcbf

TREVISO - Il Treviso Comic Book festival diventa maggiorenne e per l’occasione torna in presenza con le sue attesissime mostre nei palazzi e sedi espositive della città, incontri e workshop.

Dal 24 al 26 settembre la manifestazione internazionale di illustrazione giunta appunto alla 18esima edizione, torna a colorare Treviso, una ricca rassegna di appuntamenti con il pubblico in città, tra cui 9 mostre in presenza, diversi gli ospiti, grandi firme e nuovi talenti della “nona arte” che giungeranno a Treviso per l’atteso ritorno della kermesse nelle strade e nelle piazze.

Una manifestazione ormai consolidata che, anche senza mostra mercato, continua a guardare al futuro con impegno, fiducia e slancio, tanto da aver vinto il primo bando nazionale lanciato dal Ministero della Cultura “Promozione Fumetto 2021” per la promozione del fumetto contemporaneo in Italia e all’estero.

Due le sedi espositive protagoniste: Fondazione Benetton Studi e Ricerche e Casa Robegan. Grande attesa per la mostra “Primitivo del futuro” con 150 disegni di Davide Toffolo, gigante della musica (fonda la band i Tre Allegri ragazzi Morti) e del fumetto italiano e “Rhythmic space” del noto illustratore veneziano Lucio Schiavon. L’inaugurazione delle due esposizioni ospitate alla Fondazione Benetton è in programma sabato 25 settembre alle ore 12 con prenotazione obbligatoria al link https://tcbf21.eventbrite.com/.

Altro rientro in casa per il Treviso Comic Book Festival a Ca’ da Noal che aprirà le sue porte al pubblico per quattro grandi mostre. Dalle due collettive femminili “Underground” e Overground” – che sotto il titolo di “Le Ragazzine hanno preso il controllo” porteranno a città una visione del futuro del fumetto italiano in chiave punk e pop – a “Gigante Osvaldo” dell’illustratrice trevigiana Eleonora Simeoni, già volontaria del Tcbf e ora illustratrice di fama internazionale. Casa Robegan, inoltre, sarà la splendida cornice del ritorno a Treviso degli autori stranieri con “Breakdown Press è diventata grande” un’esposizione dedicata all’artista visuale inglese Joe Kessler. L’inaugurazione delle quattro esposizioni a Casa Robegan - Ca’ da Noal è in programma domenica 26 settembre alle ore 13 con prenotazione obbligatoria al link https://tcbf21.eventbrite.com/.

All’insegna di musica e fumetto, da sempre binomio inscindibile dalla kermesse, il Treviso Comic Book Festival fa nuovamente il suo ingresso nei locali del centro storico. Se il Dump in galleria Bailo ospiterà a suon di hip hop la mostra “Notorius B.I.G. Sky’s the limit” del trevigiano Paolo Gallina, la pizzeria Piola di via Carlo Alberto sarà lo scenario sulle note del sound punk rock dialettale della collettiva “Rumatera: imbrecanati nello spaziotempo” sull’omonima band veneziana con numerosi artisti veneti coinvolti. Non mancano gli attesi workshop, dibattiti e conferenze che dopo il successo dello scorso anno saranno trasmessi in diretta social.

Ma non è Comic Book festival senza le ormai le tradizionali vetrine dei negozi colorate e disegnate in tutta la città. Quest’anno il progetto sarà ancora più diffuso con oltre 300 vetrine decorate da 40 artisti, comprese le finestre del municipio di Treviso. Una mostra a cielo aperto di tele cristalline percorribile anche virtualmente grazie a una mappa digitale, dove sono presenti i negozi, le vetrine decorate e i loro autori, consultabile al link https://bit.ly/centovetrine2021. Per l’accesso alle mostre ospitate alla Fondazione Benetton e a Casar Robegan, così come per i workshop, sarà richiesta l’esibizione del Green Pass.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×