10 luglio 2020

Treviso

Cittadini contro i nuovi supermercati ma il sindaco replica: "Sono progetti della passata amministrazione"

Polemica sul piano di lottizzazione Col di Lana a Sant'Angelo

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

treviso

TREVISO - Le grandi aree commerciali che stanno sorgendo a Treviso hanno acceso la discussione tra maggioranza e opposizione nell’ultimo consiglio comunale.

Al centro delle critiche il piano di lottizzazione denominato “Col di Lana” a Sant’Angelo dove sorgerà un residence e un’area commerciale di 800 metri quadrati. Su questo progetto di costruzione, dove dovrebbe sorgere un nuovo, l’ennesimo, supermercato, è partita anche una raccolta firme da parte dei residenti del quartiere - come ha evidenziato la consigliera Maria Buoso - che si oppongono all’ampliamento della superficie commerciale.

Ma il sindaco Conte replica: “Non mi piace scaricare responsabilità sugli altri ma visto che c'è chi si diverte a dire che siamo amanti del cemento e degli ipermercati, ribadisco che i nuovi esercizi commerciali di cui si parla sono stati approvati dalla giunta precedente nel 2017. Di fatto, la stessa parte politica che oggi promuove raccolte firme contro i nuovi supermercati”. Fabio Pezzato, capogruppo della lista Manildo, mette in chiaro: “La lottizzazione Col di Lana risale a prima del 2017, alla giunta Gobbo. Questa amministrazione, nonostante avesse gli strumenti a disposizione, non ha fatto niente per bloccare i progetti di costruzione di nuove aree commerciali.

“L’attuale amministrazione non ha potuto proferire verbo sul piano Col di Lana, perché erano già perfezionati gli accordi - risponde l’assessore all’Urbanistica Linda Tassinari. - E stravolgerli avrebbe significato completamente rielaborare e adottare nuovamente lo strumento urbanistico con un allungamento dei tempi”.

Intanto sempre a Sant'Angelo il prossimo 13 luglio inizieranno i lavori di ristrutturazione e sostituzione, da parte di Alto Trevigiano Servizi, della condotta e degli allacciamenti idropotabili di via Sant’Angelo nel tratto compreso tra l’incrocio di via Tron e via Col di Lana. Verranno sostituiti circa 315 metri di tubazione in acciaio risalenti agli anni ’70 e i relativi allacciamenti per circa 84 utenze. L’intervento è stato dunque ritenuto necessario considerando l’accentuarsi delle rotture che hanno comportato ben sette riparazioni negli ultimi due anni. Il costo della ristrutturazione, interamente a carico di Ats, è di circa 150mila euro. Al fine di velocizzare i lavori, verrà interdetta la circolazione, organizzando deviazioni sulle strade limitrofe: via Tron e via Graziano a sud e via Ottavi e via Plinio il Vecchio a nord. Nella prima frase l’intervento interesserà il tratto da via Tron a via Ottavi: le deviazioni si effettueranno sulla prima via con un senso unico alternato. La seconda fase, invece, riguarderà il tratto da via Ottavi a via Col di Lana con chiusura del tratto stradale e deviazioni su via Tron e via Graziano a sud e via Ottavi e via Plinio il Vecchio a Nord.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×