14 luglio 2020

Conegliano

La cittadinanza è una cosa da grandi?

Lunedì, il consiglio comunale di Conegliano discuterà una mozione per estendere la cittadinanza ai figli di immigrati. Che non è detto venga approvata…

| Emanuela Da Ros |

immagine dell'autore

| Emanuela Da Ros |

La cittadinanza è una cosa da grandi?

Giugno del 2012 (i dati certi arrivano fino a qui): a Conegliano i bambini nati nel comune da genitori stranieri e i figli, residenti, di genitori stranieri sono 601. In Italia (secondo l’Istat) i minori stranieri nati o cresciuti in Italia, al giugno scorso, rappresentano il 22% dei minori residenti nel paese.

Le cifre potrebbero suscitare indifferenza. Spingere i soliti ignoti (per assonanza avrei potuto usare un’altra parola), a fare spallucce. A dire: e chi se ne frega?

Noi non facciamo spallucce, in questo caso. Teniamo d’occhio quello che succede.

 

Lunedì prossimo, per esempio, in consiglio comunale a Conegliano verrà presentata una mozione, firmata da Paolo Giandon, Pietro Benedet e Carlo Feltre (rappresentanti della minoranza) che chiederà il sostegno alla proposta di legge per il riconoscimento della cittadinanza italiana ai figli di cittadini stranieri nati in Italia presentata in sede parlamentare dal Pd.

Nella mozione si chiede, tra l’altro, di “ampliare i requisiti di concessione della cittadinanza italiana basandoli sul principio dello Ius Soli in sostituzione di quello dello Ius Sanguinis al quale si ispira la normativa vigente. Rendendo cosi possibile l’ottenimento della cittadinanza italiana ai bambini nati o cresciuti Italia da genitori non italiani”. I firmatari della mozione chiederanno al consiglio comunale, al presidente e alla giunta di Conegliano di “attivare tutti gli atti e procedure necessarie a sostegno del riconoscimento della cittadinanza italiana per Ius Soli ai figli nati in Italia da entrambi genitori stranieri regolarmente residenti e ai ragazzi arrivati in Italia adolescenti, figli di cittadini non italiani regolarmente residenti, che abbiano qui compiuto un ciclo scolastico”. Nel presentare la mozione Paolo Giandon, capogruppo Pd, chiederà al consiglio “l'aggiunta di un punto alla proposta per dare mandato alla giunta affinché aderisca all'iniziativa Unicef che, in occasione della Giornata mondiale dell’infanzia (che si celebrava ieri) insiste che “in attesa di una legge sulla concessione della cittadinanza ai bambini nati in Italia da genitori stranieri, i Comuni italiani concedano simbolicamente la cittadinanza onoraria ai piccoli stranieri presenti nel loro territorio”.

 

Poiché l’obiettivo della concessione della cittadinanza ai minori nati da genitori stranieri, da circa un anno, è stato fatto proprio da un gruppo di scrittori per ragazzi che si riconoscono nell’acronimo Wwc (Writers with children), in consiglio comunale, a Conegliano, si farà menzione anche dell’associazione di scrittori, che un anno fa ha aperto una pagina facebook dedicata all’iniziativa.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Emanuela Da Ros

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Conegliano
Leggi altre notizie di Conegliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×