24 luglio 2021

Ciclismo

Altri Sport

Ciclismo, Benedetti vince il tricolore a Prato

Trentesimo campionato italiano in bacheca per la Zalf di Castelfranco

|

|

Ciclismo, Benedetti vince il tricolore a Prato

PRATO - E arrivò anche la trentesima maglia tricolore che corona i quarant’anni della Zalf Euromobil Désirée Fior, società che a sede a Salvarosa di Castelfranco Veneto.

Il successo porta la firma di Gabriele Benedetti che si è imposto sul traguardo di Bacchereto, in provincia di Prato. Un'azione iniziata dopo pochi chilometri dal via: in fuga si sono trovati sono sei atleti tra cui è stato bravo ad inserirsi Gabriele Benedetti. I fuggitivi hanno conquistato un vantaggio massimo di sei minuti. Con il passare dei chilometri il gruppo si è avvicinato ai battistrada.

Nel finale di gara Gabriele Benedetti ha alzato il ritmo facendo la selezione e involandosi tutto solo quando mancavano 10 chilometri all'arrivo. Un finale in perfetta solitudine quello che ha accolto Benedetti sul traguardo di Bacchereto.

Un'impresa d'altri tempi quella messa a segno da Benedetti, che dopo il traguardo ha spiegato: "Sapevo che sarebbe stata una gara dura e per questo ho deciso di andare in fuga da subito; il gruppo ci ha lasciato spazio e le gambe, salita dopo salita, rispondevano bene.

Nel finale ho stretto i denti perché sapevo che il traguardo era vicino. Questo successo è tutto dedicato alla squadra che ha creduto in me e mi ha supportato: voglio ringraziare tutti, i miei compagni, i tecnici e i patron Antonio, Fiorenzo, Gaspare e Giancarlo Lucchetta ed Egidio Fior che mi sono sempre stati vicini anche quando le cose non giravano come avremmo voluto".

L'ottava vittoria della Zalf Euromobil Désirée Fior 2021 è, senza dubbio, quella di maggior valore che riporta la maglia tricolore nel quartier generale di Salvarosa, nel Trevigiano, a distanza di due anni dal titolo conquistato da Marco Frigo nel 2019 che ora corre tra i professionisti.

Prima di Frigo il tricolore era andato a Gianni Moscon, che era ora corre con la Ineos Grenediers e ha partecipato alla vittoria di Egan Bernal al Giro d’Italia. Un successo che vale anche il trentesimo tricolore in 40 anni di attività per il sodalizio fondato nell’1982 dalle appassionate famiglie Lucchetta e Fior prima della partita di calcio Giorgione-Pievigina al Ristorante Rino Fior di Castelfranco Veneto.

"Vincere un campionato italiano è sempre speciale. Riuscire a farlo con un'altra impresa da lontano come quella messa a segno da Gabriele Benedetti ha un sapore unico. Questo è il modo migliore per festeggiare la nostra quarantesima stagione di attività" hanno esultato i patron Gaspare Lucchetta ed Egidio Fior che hanno seguito passo passo il successo di Gabriele Benedetti. "Vogliamo complimentarci con tutto il team per l'ottimo lavoro svolto anche in questa stagione che per la prima volta ci vede impegnati tra le formazioni Continental.

Il passaggio non è stato semplice ma atleti e tecnici sono stati bravi a fare gruppo e a superare ogni difficoltà riuscendo a centrare un traguardo importantissimo come il campionato italiano. Questa vittoria segna allo stesso tempo un punto di arrivo e di ripartenza fondamentale per la vita della nostra società".

Completano l’ordine d’arrivo il quarto posto Luca Colnaghi, capitano della Trevigiani, il sesto posto di Edoardo Zambanini - compagno di squadra del campione italiano - e il nono posto del sandonatese Jacopo Menegotto, figlio dell’ex professionista Roberto, che fu tricolore fra i dilettanti.

Gabriele Benedetti, aretino di Terranuova Bracciolini, ha compiuto 21 anni lo scorso 9 giugno. Al suo primo anno in maglia Zalf Euromobil Désirée Fior, ha centrato il suo primo successo stagionale al debutto a Torre di Fucecchio. Scalatore di razza, già campione toscano Under 23, prima di aggiudicarsi il campionato italiano di Bacchereto, ha colto anche tre quarti posti nelle internazionali di Col San Martino, San Vendemiano e sul traguardo della Medaglia d’Oro Frare De Nardi di Vittorio Veneto.

In questi 40 anni la Zalf Euromobil Désirée Fior ha conquistato otto titoli del mondo: Basso, Gualdi, Arvesen (norvegese), Salvato, i due di Figueras e i due di Pontoni nel ciclocross. E’ arrivato anche un europeo a cronometro dal bolzanino Manuel Quinziato e 30 titoli italiani. Dal 1982 sono 112 gli atleti cresciuti sotto l’ala dei fratelli Antonio, Fiorenzo, Gaspare e Giancarlo Lucchetta e di Egidio Fior che sono approdati con successo al professionismo. Basso, Cunego, Scarponi, Battaglin, Bertolini e Moscon sono degli splendidi esempi.

Ordine d'arrivo:

1° Gabriele Benedetti (Zalf Euromobil Désirée Fior)

2° Filippo Baroncini (Colpack Ballan)

3° Mattia Petrucci (Colpack Ballan)

4° Luca Colnaghi (Uc Trevigiani Campana Imballaggi Geo&Tex 2000)

5° Valter Ghigino (Petroli Firenze)

6° Edoardo Zambanini (Zalf Euromobil Désirée Fior)

7° Omar El Gouzi (Iseo Rime Carnovali)

8° Michele Gazzoli (Team Colpack Ballan) a 1'01"

9° Jacopo Menegotto (General Store)

10° Filippo Magli (Mastromarco Sensi)


Sandro Bolognini

 

Photo Credits: www.photors.it

 

Le società Sportive

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×