25 giugno 2021

Treviso

"Chiudete l'ex caserma Serena", sit-in di Prima i Trevigiani

Manifestazione di protesta ieri sera in via Pindemonte, davanti al cimitero

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

sit-in prima i trevigiani

TREVISO - Un centinaio i manifestanti, tra cui pochi residenti, che ieri sera si sono dati appuntamento vicino all’ ex caserma Serena, dove i richiedenti asilo stanno terminando la quarantena, per chiederne l’immediata chiusura e il rimpatrio dei migranti ospitati al centro di accoglienza.

Gli attivisti del Comitato Prima i Trevigiani, insieme ad alcuni esponenti dell’estrema destra, hanno tenuto un sit-in all’ingresso di via Pindemonte, nel parcheggio del cimitero, con striscioni e fumogeni. Sotto l’occhio attento delle forze dell’ordine schierate per evitare che i manifestanti si avvicinassero all’ingresso della Serena, i manifestanti con mascherina, hanno ribadito: “la caserma Serena va svuotata. Non ci sono altre soluzioni”.

“Abbiamo risposto ad un appello di alcuni residenti preoccupati per la situazione dei contagi e stanchi per i continui episodi di spaccio e disordini che avvengono nella zona” - ha spiegato Leonardo Campion, presidente di Prima i Trevigiani e coordinatore della manifestazione. “La caserma va liberata e il centro di accoglienza chiuso per lasciare lo spazio ai cittadini. Penso ad esempio all’emergenza scolastica: qui potrebbero trovare posto aule e spazi per la didattica”.

A seguire la manifestazione, in cui è intervenuto anche un residente che ha ribadito l’esasperazione per questa situazione, più defilati rispetto alla folla anche Fabio Crea e Christian Rossetto, candidati nelle liste di Fratelli d’Italia alle regionali.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×