16/07/2024poco nuvoloso

17/07/2024poco nuvoloso

18/07/2024poco nuvoloso

16 luglio 2024

Nord-Est

Chico Forti,'nelle carceri italiane mi hanno accolto come un re'

A marzo Meloni mi disse: 'Siamo riusciti a convincere Biden'

| Ansa |

| Ansa |

Chico Forti,'nelle carceri italiane mi hanno accolto come un re'

VERONA - "A Rebibbia e a Verona mi hanno accolto come un re. Quando sono arrivato in carcere mi hanno detto: 'c'è il comandante che vuole parlarle'. Pensavo che fosse un agente della penitenziaria ma invece il primo che mi si è presentato è stato Schettino (l'ex comandante della Costa Concordia, detenuto a Rebibbia), il quale mi ha detto: "Chico, sei il mio eroe'". Così il 65enne detenuto trentino Chico Forti a Cinque Minuti, trasferito in Italia dal carcere di Miami alcuni giorni fa, dove ha scontato 24 anni. "Tra il carcere di Miami e quello di Verona c'è una differenza enorme.

Quello di Miami è basato sulla punizione ed è un luogo dove sei continuamente umiliato, mentre qui ho conosciuto valori umani come i rapporti e il rispetto, che non ritrovavo da 24 anni", ha aggiunto Forti, il quale parlando di sua madre 96enne ha detto: "È la mia roccia, è stata la mia forza ed energia. Nei suoi occhi puoi vedere i fuochi d'artificio e la gioia nel suo sguardo. Nel 2008, l'ultima volta che l'avevo vista prima di tornare poi in Italia, mi disse 'farò tutto il possibile per aspettarti'". Forti, che si è sempre detto non colpevole del reato di omicidio per il quale in Florida è stato condannato all'ergastolo, ha spiegato: "Se tu sei convinto della tua innocenza, hai la forza di andare avanti giorno per giorno. Non ho mai pensato ai 24 anni, ma al giorno successivo. Se non credi in te o ti suicidi o cambi la vita".

E sul suo futuro ha aggiunto: "Sono stato congelato per 24 anni, ma la mia voglia di vivere non è cambiata". Infine, parlando del giorno in cui ha appreso che sarebbe tornato in Italia, il 65enne ha detto: "Il primo marzo ho ricevuto una chiamata che ha scombussolato il mio penitenziario, perché mi hanno detto che avevo una chiamata dalla Casa Bianca. La prima persona che mi parlò fu l'ambasciatrice italiana a Washington la quale mi disse che era con Biden e il primo ministro italiano. Poi parlai con Giorgia Meloni, la quale mi disse: 'Siamo finalmente riusciti a convincerlo, torni a casa'".


Iscriviti alla Newsletter di OggiTreviso. E' Gratis

Ogni mattina le notizie dalla tua città, dalla regione, dall'Italia e dal mondo


 

 


| modificato il:

Ansa

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×