30/11/2021sereno

01/12/2021pioviggine e schiarite

02/12/2021pioggia

30 novembre 2021

Vittorio Veneto

Cesana-Comune, stop al protocollo d'intesa: l'asilo e i servizi sono "salvi"

L'emendamento proposto dal consigliere Botteon rende inagibile l'accordo

|

|

Cesana-Comune, stop al protocollo d'intesa: l'asilo e i servizi sono

VITTORIO VENETO - L’asilo nido comunale è salvo. Si conclude così la vicenda che ha incendiato la politica vittoriese – e i consigli comunali - negli ultimi mesi: il Cesana Malanotti rinuncia all’acquisizione dei servizi alla persona (asilo, farmacie, centro giovani, centro antiviolenza ecc.), dopo l’ostruzionismo messo in campo anche da consiglieri comunali di maggioranza.

 

Nella delibera pubblicata nel sito della casa di riposo viene dichiarato “esaurito lo scopo del Protocollo d’Intesa dell’11 aprile 2017, stipulato con l’amministrazione comunale di Vittorio Veneto, essendo intervenuta una condizione di oggettiva inagibilità politico-istituzionale”. Il consigliere comunale Adriano Botteon, infatti, con il suo emendamento approvato in consiglio, aveva fatto in modo che ogni servizio da passare al Cesana dovesse essere sottoposto, singolarmente, al voto dell’assemblea dei consiglieri.

 

Cosa che ha reso “inagibile” il ruolo del Cesana, che si sarebbe ridotto a mero appaltatore di specifici servizi: l’Ipab non può comportarsi come un soggetto privato, partecipando per esempio a bandi o gare di assegnazione. Non si sono poi “manifestate intenzioni o condizioni di ritrovata praticabilità per le progettualità a suo tempo disegnate nel “Protocollo d’Intesa” dell’11 aprile”, e l’istituto di via Carbonera ha quindi deliberato la rinuncia al passaggio dei servizi comunali.

 



Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×