22 aprile 2021

Cronaca

Cervo sopravvivere con una freccia conficcata in testa

Un cervide maschio dalla coda bianca vaga per il gelido nord della provincia canadese dell'Ontario con un dardo conficcato in testa - IL VIDEO

|

|

Cervo con freccia

CANADA - Si può sopravvivere con una freccia conficcata nella testa? Pare proprio di sì. Il «miracolato» in questione è un cervo maschio dalla coda bianca che vaga per il gelido nord della provincia canadese di Kenora, in Ontario. Il mammifero è stato centrato in pieno da una freccia con una punta d'acciaio, che è stata lanciata da una balestra. La freccia sarebbe stata scoccata da una finestra o da una terrazza nel centro della città. E incredibilmente il fendente non ha colpito organi vitali permettendole di continuare la sua vita «come se nulla fosse.

 

La freccia si è conficcata fra collo e testa, evitando il cervello e vene, uscendo da parte a parte. Dal 9 dicembre si sono susseguiti una serie di avvistamenti ma raggiungerlo non è stato facile. I primi tentativi di catturare il cervo si sono infatti rivelati infruttuosi: il cervo chiamato dai residenti “Carrot” si spaventava e scappava non appena chiunque tentava di avvicinarsi. Anche se l'animale sembra non preoccuparsi troppo della freccia, l'oggetto lo disturba nel sonno e nella sua libertà di movimento. La rimozione della freccia non è un'opzione in quanto potrebbe causare ulteriori danni fisici e provocare la morte dell'animale.

 

“L'asta della freccia nella sua testa, per quanto inquietante, può effettivamente salvargli la vita a questo punto. Rimuoverlo potrebbe causare gravi infezioni o la morte a causa dell'emorragia ", afferma il fotografo naturalista Lee-Anne Carver che vive nel nord-ovest di Kenora e che segue Carrot da tre anni. “Questa settimana siamo finalmente riusciti a stordire Carrot e a dimezzare il dardo. L'intenzione è che il gambo della freccia cada da solo dal corpo del cervo nei mesi a venire, sperando che la ferita non peggiori ", aggiunge." Da quello che mi hanno detto i cacciatori che mi hanno scritto, si tratta di una freccia di carbonio, che è stata lanciata da una balestra", dice Carver.

 

La freccia sarebbe stata scoccata da una finestra o da una terrazza nel centro della città. Negli ultimi quattro anni, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, Kenora ha permesso ai suoi residenti di tirare con l'arco ai cervi entro i confini della città. La signora Carver vuole che questa legge cambi. "La carota non è il primo animale ad essere colpito nelle zone residenziali, ma spero che sia l'ultimo." Ecco il VIDEO.

 


| modificato il:

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×