07/02/2023sereno

08/02/2023sereno

09/02/2023sereno

07 febbraio 2023

Castelfranco

Centro Sartor di Castelfranco: “Nessuno buco a bilancio, solo previsioni di aumento costi"

Il Centro Sartor nega con forza notizie circolate di difficoltà economiche dell'ente e dichiara: "Supportiamo la battaglia perché le Ipab entrino nel Decreto Aiuti "

| Leonardo Sernagiotto |

immagine dell'autore

| Leonardo Sernagiotto |

Centro Servizi alla Persona “Domenico Sartor” di Castelfranco

CASTELFRANCO – Nessun buco di bilancio, nessun dissesto finanziario. Il Centro Servizi alla Persona “Domenico Sartor” di Castelfranco prende decisamente le distanze da alcune notizie circolate per mezzo stampa e desidera comunicare alcune precisazioni. “Sono state diffuse alcune uscite tendenzialmente allarmistiche e strumentalizzanti - spiegano dal Sartor – scaturite erroneamente da una relazione complessiva dell’operato del Sartor, presentata in Commissione consiliare”.

“La parte finale si prospetta un aumento dei costi, ipotizzato come andamento tendenziale delle spese della struttura, facendo peraltro un raffronto col 2023 sul 2020. Ma è evidente: si tratta di una situazione comune a tutte le Rsa del territorio e, anzi, a tutte le pubbliche amministrazioni che devono far fronte agli aumenti dei costi di energia, gas e anche a cascata dei propri fornitori di servizi. Per di più, al Sartor l’aumento delle spese non riguarda solo la gestione, ma anche gli investimenti in favore della struttura e degli ospiti: abbiamo da poco acquistato un gruppo di continuità che ci rende autonomi in caso di emergenza, abbiamo in programma di realizzare un intervento di efficientamento energetico con pannelli fotovoltaici che ci consentirà di risparmiare aiutando l’ambiente”.

Si tratta dunque di un bilancio di previsione, che potrebbe ridursi grazie alle contrattazioni con i fornitori, in attesa inoltre dell’auspicata modifica del Decreto Aiuti. A tal proposito, Maurizio Trento, presidente del Sarto, aggiunge: “Supportiamo la battaglia dell’URIPA, l’Unione Regionale Istituti Per Anziani Della Regione Veneta, la nostra associazione di categoria, affinché faccia pressione sul Governo e faccia inserire anche le Ipab negli enti che abbisognano di supporto, visto l’aumento dei costi. Un problema comune a tutto il nostro comparto. In ogni caso quando avremo un’idea più chiara della situazione, la condivideremo col Comitato Famigliari e poi andremo in Cda per definire le azioni da compiere. Per questo, è bene evitare inutili allarmismi e parlare di buchi a bilancio, che danneggiano l’immagine di un ente diventato esempio a livello nazionale”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Leonardo Sernagiotto

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×