06/12/2021sereno

07/12/2021velature lievi

08/12/2021pioggia

06 dicembre 2021

Treviso

Cento anni fa l'assalto dei fascisti alla città di Treviso. Rievocazione storica nel prato della Fiera

L'evento, voluto dalla Cgil che festeggia i suoi primi 110 anni, sarà ricordato con uno spettacolo allestito dalla compagnia Matàz, con la musica di Erica Boschiero

| Roberto Grigoletto |

immagine dell'autore

| Roberto Grigoletto |

Prato della Fiera - Treviso, anni Venti

TREVISO - Cento anni fa i fascisti all’assalto di Treviso. Nella notte tra il 12 e il 13 luglio la spedizione punitiva di un nutrito gruppo di fascisti in città. Lo squadrone si mosse con violenza contro l’opposizione antifascista, proprio tra il capoluogo e la sua periferia: Fiera. Una violenza utilizzata quale strumento di pressione politica nei rapporti con le istituzioni dello Stato e come elemento di leadership all’interno della stessa compagine fascista.

L’evento verrà riportato alla ribalta martedì prossimo 13 luglio, a Fiera, con la drammatizzazione della compagnia Matàz Teatro, tratta dal libro di De Bortoli-Manesso “Squadristi veneti all’assalto di Treviso. 12-14 luglio 1921” (ed. ISTRESCO). La rappresentazione sarà accompagnata dalle parole e dalla musica di Erica Boschiero. È un altro degli appuntamenti del calendario messo a punto dalla Cgil per celebrare i 110 anni dalla fondazione del sindacato. Uno spettacolo a ingresso libero fino a esaurimento posti a sedere, nel rispetto delle norme anti-contagio. Sarà inoltre trasmesso in diretta streaming sui canali social del sindacato trevigiano: Facebook e YouTube.

In questa drammatizzazione di fatti di allora - spiegano gli organizzatori- teatro e musica consegnano una forma di analisi storica dell’accaduto, e delle implicazioni politiche, attraverso la voce della gente, le inquietudini, le tensioni di un periodo che sarà l’anticamera dell’ascesa del fascismo e poi del Secondo conflitto mondiale.

“Celebriamo l’anniversario della CGIL rievocando un altro momento della nostra storia del ‘900 – afferma Mauro Visentin, segretario generale della Cgil di Treviso –, fatti di violenza e di tensione politica che non devono mai più ripetersi. Un modo per ricordare che il buio dell’autoritarismo, del sovranismo, della dittatura è sempre in agguato e che tutti coloro che credono nella democrazia e nella parità tra le persone hanno il dovere di lottare civilmente per il rispetto e la garanzia dei nostri valori costituzionali e del progresso delle nazioni”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Roberto Grigoletto

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

immagine della news

01/12/2021

Da dicembre a scuola con la "supplentite"

Quanti docenti si assenteranno con l'entrata in vigore dell'obbligo vaccinale? Per Marco Moretti (Flc Cgil) "vaccino provvedimento necessario per tutelare una categoria esposta al rischio contagio"

immagine della news

17/10/2021

BUONA DOMENICA Fascisti no pasaran!

Duecentomila a Roma ieri per dire no alla violenza e a nuove forme di fascismo dopo l'assalto della settimana scorsa alla sede della Cgil.

immagine della news

12/10/2021

Draghi alla Cgil, incontro con Landini

Il premier alla sede del sindacato. Il segretario della Cgil: "Visita molto importante". Sabato prossimo sindacati in piazza San Giovanni a Roma

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×