27 ottobre 2021

Castelfranco

La centenaria storia del Santuario della Madonna del Caravaggio raccontata in un libro

Il volume, scritto dal prof. Miotto, potrà essere acquistato durante le celebrazioni del 26 maggio. Il parroco don Ivan: «È un segno di riconoscenza verso la comunità».

| Leonardo Sernagiotto |

immagine dell'autore

| Leonardo Sernagiotto |

Santuario della Madonna del Caravaggio a Fanzolo

VEDELAGO - Sono passati quasi 200 anni da quando, nel maggio 1839, iniziava la costruzione del santuario dedicato alla Beata Vergine del Caravaggio, nelle forme in cui lo conosciamo oggi. Ispirato al tempietto palladiano di Villa Barbaro a Maser, il santuario di Fanzolo fu edificato su un precedente sacello cinquecentesco e attirò fin dal principio un numero sempre maggiore di fedeli.

Da allora infatti sono migliaia le persone giunte in pellegrinaggio per rendere grazie alla Vergine il 26 maggio, anniversario della sua apparizione a Giannetta nel 1432 nelle campagne di Caravaggio (BG). Dopo lo stop dello scorso anno dovuto alla pandemia, quest’anno si potrà nuovamente celebrare la Madonna presso il santuario, dove saranno celebrate messe dalle ore 6 fino alle 20, rispettando le norme anticontagio.

Inoltre è ora possibile conoscere l’affascinante storia di questo luogo grazie al volume di Paolo MiottoIl Santuario della Madonna del Caravaggio in Fanzolo. Storia e devozione mariana”, opera voluta dalla Parrocchia di Fanzolo e patrocinata dalla Provincia di Treviso. Nel ricco ed esaustivo libro, l’autore non solo ripercorre la storia del santuario, ma fa emergere tutta la ricchezza simbolica e spirituale che esso conserva, riaffermando ancor più il valore identitario che questo tempio ha per la comunità di Fanzolo.

La ricerca svolta dal prof. Miotto, esperto conoscitore della storia locale, si fonda su un’approfondita analisi dei documenti rinvenuti nell’Archivio parrocchiale e in archivi storici locali, oltre che sullo studio degli articoli di stampa e dei lavori di saggistica dedicati al Santuario. Il tutto è arricchito da un’ampia sezione fotografica raccolta anche tra le famiglie della comunità.

Il libro potrà essere acquistato presso il Santuario e la Parrocchia e il ricavato sarà devoluto alla ristrutturazione e alla cura del Santuario. Profondamento grato al lavoro del prof. Miotto è don Ivan Feltracco, parroco di Fanzolo: «Queste pagine non raccontano solo la storia di un edificio, ma anche la storia di una comunità che ha continuato a custodire e conservare la spiritualità e la devozione a Maria. Il volume è quindi un segno di riconoscenza verso tutti coloro che hanno amato e servito il Santuario di Caravaggio: i benefattori vivi e defunti, i parroci, i sacerdoti e i custodi che si sono susseguiti e tutti i volontari che hanno accolto e continuano ad accogliere i pellegrini».

 


| modificato il:

foto dell'autore

Leonardo Sernagiotto

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×