23/05/2022pioggia e schiarite

24/05/2022possibili temporali

25/05/2022pioggia debole e schiarite

23 maggio 2022

Castelfranco

La celebre “Collina dei ciliegi” minacciata dai vigneti

Il diacono Bruno Martino, stimato naturalista, si dice preoccupato per le sorti della celebre collina di San Zenone degli Ezzelini: uno dei luoghi più incantevoli del Veneto, di notevole pregio naturalistico.

| Ingrid Feltrin Jefwa |

immagine dell'autore

| Ingrid Feltrin Jefwa |

La celebre “Collina dei ciliegi” minacciata dai vigneti

SAN ZENONE DEGLI EZZELINI – La monocoltura del Prosecco non risparmia nemmeno uno dei luoghi simbolo della dolcezza che la campagna veneta può vantare, la celebre “Collina dei ciliegi” nota anche come la "Coina de Macan” che sorge tra Fonte e San Zenone. Un luogo magico che ha ispirato artisti e affascinato naturalisti come lo stimato diacono Bruno Martino che sulla collina ha realizzato un volumetto, per tributarne la bellezza e testimoniare le tante specie di pregio che vi si trovano.

La notizia che qualcuno stia snaturando questo luogo con la piantumazione di un vigneto, è corsa rapidamente e ha raggiunto anche Bruno Martino, che incredulo e atterrito dall’ipotesi ha affermato: “Per chi non sa, è uno dei luoghi naturalisticamente e paesaggisticamente più belli dell'intero territorio. A questo ameno colle ho dedicato anni fa un libro … un altro colpo mortale per il nostro ambiente. L'economia deve portare vita e non ricchezza”.

Da prima il diacono, noto a livello nazionale per il suo impegno che dura oramai da oltre 50 anni in difesa del creato, sperava in un errore ma l’incalzare delle notizie non ha lascito margine ai dubbi, se non sull’estensione dei nuovi impianti: “Stiamo appurando se è un piccolo vigneto privato o se industriale. Poi capiremo a chi chiedere supporto ed aiuto – e quindi prosegue in una sorta di grido di dolore per quanto sta accadendo -. Non mi sembra possibile che possa succedere ancora: una ignoranza, una inconsapevolezza senza limiti. Ma a chi può interessare che su questa collina, ricchissima di specie vegetali interessantissime, di caprioli ed un orizzonte stupendo dal Monte Grappa, al Monte Cesen, al Montello, alle colline asolane e ad occidente fino a Bassano, al Massiccio dei Pasubio, a sud verso Venezia, i Colli Berici ed Euganei... Vigneti anche qui: incredibile, inaccettabile, inutile, ennesimo atto di barbarie!”.

Opportuno ricordare che Bruno Martino è stato fondatore e presidente per oltre vent’anni dell’Associazione Sentieri Natura “Parco degli Ezzelini” di San Zenone, ha ideato e contribuito a realizzare sentieri naturalistici, oasi naturalistiche e percorsi per persone con disabilità, oltre ad essere stato presidente per sedici anni della Fondazione Pirani-Cremona di Bassano del Grappa, contribuendo a realizzare: rifugi alpini, case natura, parchi avventura sul Monte Grappa, fattorie sociali per persone con disabilità e promuovendo l’educazione ambientale nelle scuole.
 

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa
Direttrice responsabile

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×