01/02/2023parz nuvoloso

02/02/2023poco nuvoloso

03/02/2023poco nuvoloso

01 febbraio 2023

Treviso

Cava Morganella: "Siamo certi che ulteriori scavi non metteranno a repentaglio l’acqua dei trevigiani?"

La protesta del Pd trevigiano alla notizia del possibile via libera a ulteriori scavi in profondità nella cava tra Ponzano e Paese

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

cava morganella

PONZANO - Cava Morganella tra Paese e Ponzano torna al centro dell’attenzione. Alla notizia del presunto e dibattuto via libera a ulteriori scavi per l’ampliamento in profondità della cava, è intervenuto il Pd provinciale: “Stupisce solo che tutto il dossier autorizzativo sia coperto, a quanto pare, da assoluto riserbo. Tutta la cittadinanza ha il diritto di sapere quante e quali garanzie economiche e paesaggistiche siano state messe sul tavolo per un’autorizzazione che lascia quantomeno l’amaro in bocca”, dichiarano Giovanni Zorzi e Matteo Favero, rispettivamente segretario del Pd provinciale di Treviso e Matteo Favero, responsabile ambiente provinciale e regionale.

“C’è poi un piano squisitamente politico ignorato dalla giunta regionale del Veneto - concludono i due esponenti dem - l’acqua è un bene prezioso e scarso, lo dimostra la siccità che stiamo vivendo in questi mesi, e la disponibilità e la qualità dell’acqua in Veneto e nella provincia di Treviso va sempre più peggiorando: il recente rapporto dell'inviato Orellana alle Nazioni Unite parla chiaro. Siamo davvero certi che ulteriori scavi non metteranno a repentaglio l’acqua dei trevigiani?”.

 Intanto il consigliere regionale del Pd Veneto, Andrea Zanoni ha già presentato una richiesta di accesso agli atti: “Ho presentato una richiesta urgente di accesso agli atti per appurare lo stato dell’arte: quando si tratta di tutela delle falde acquifere, ovvero dell'acqua, bene primario per la nostra sopravvivenza che scarseggia sempre più, non si può scherzare mentre qui qualcuno scherza con il fuoco. Contemporaneamente mi auguro che il comune di Ponzano attivi i propri legali e che presto i giudici del Tar blocchino questo progetto che, scavando in profondità, mette a mio parere a rischio le nostre falde acquifere. Si tratta di un progetto che guarda agli interessi del privato ledendo quelli pubblici di tutela dell'ambiente”.    

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×